Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Un mese a una 32enne e 5 mila euro di danni per aver distrutto la corrispondenza

LETTERE GETTATE VIA: IMPIEGATA RISARCIRÀ I DATORI DI LAVORO

La donna respingeva le accuse e sostieneva di non aver fatto nulla


TREVISO – (gp) Un mese di reclusione, pena sospesa, e 5 mila euro di risarcimento danni perchè per quasi otto mesi avrebbe cestinato decine e decine di lettere dello studio in cui lavorava. Questa la sentenza emessa nei confronti di una 32enne residente a Treviso, difesa in aula dall'avvocato Fabio Capraro, la quale aveva sempre sostenuto che i fatti che le venivano contestati sarebbero stati soltanto l'esito di un complotto nei suoi confronti. Ma le accuse, stando a quanto sostenuto sia il pm Iuri De Biasi che dalla parte civile, ovvero i titolari dello studio composto da consulenti d'impresa, revisori legali e dottori commercialisti associati, sono state invece provate nel corso del procedimento penale. La 32enne, secondo quanto riportato nel capo d'imputazione, abusando della sua veste di impiegata con mansioni specifiche di ricevimento e smistamento della corrispondenza indirizzata allo studio e ai singoli associati, avrebbe distrutto o soppresso decine di lettere chiuse (come ad esempio disdette di contratti di locazione, raccomandate di Equitalia o dirette a curatori fallimentari) tra l'aprile e il novembre 2011. Corrispondenza che sarebbe stata rinvenuta proprio a inizio novembre (quando scattò la denuncia da parte dello studio) nel cestino della spazzatura, nel contenitore della carta da riciclo, nei cassetti della scrivania dell'impiegata o in alcune cartelle porta documenti mescolate ad altre carte. Una condotta che l'imputata sosteneva di non aver mai tenuto e che poteva costarle fino a un anno di reclusione, in quanto le veniva contestata anche l'aggravante di aver commesso il fatto con abuso di prestazione d'opera.