Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ambientato nel 1866, racconta la storia di due famiglie produttrici di vino

IL LEONE DI VETRO: UN FILM NELLA TERRA DEL RABOSO

ll film, tra fiction e storia, presentato dal regista Salvatore Chiosi


TREVISO - Siamo nel 1866 alla vigilia del referendum per l'annessione del Veneto all'Italia. Nella spaccatura che attraversa il popolo, fra chi è a favore e chi contro, si traccia la storia dell'Italia e la storia di una famiglia che con passione si dedica alla produzione e commercio del loro vino, che oggi identifichiamo nel Raboso del Piave doc e nel Malanotte del Piave docg. In questa atmosfera che preannuncia svolte e cambiamenti epocali, si sviluppa la trama de “Il Leone di Vetro”, lungometraggio di fiction a carattere storico diretto da Salvatore Chiosi, intervenuto ai nostri microfoni, ambientato tra Venezia e le terre del Piave. Partendo dai giorni precedenti al referendum del 22 ottobre 1866, che sancirà l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, il film attraversa le vicende di una famiglia veneta, i Biasin, cui si intrecciano le vicissitudini della famiglia Querini, aristocratica e in decadenza, entrambe produttrici di vino che commerciano in tutta Europa. Fra intrighi, passioni, dolori, si apriranno nuovi scenari e prospettive inaspettate. A far da sfondo la caduta di Venezia, per opera di Napoleone, e la sua annessione all’Italia. Ma si parla anche di passione per il proprio lavoro e per la propria terra. Cosi spiega il regista Salvatore Chiosi intervistato da Alessandra Ghizzo.

La sceneggiatura de Il Leone di Vetro è di Renzo Carbonera e Maximiliano Hernando, nel cast Claudio De Davide; Christian Iansante; Sara Ricci; Maximiliano Hernando Bruno; Andrea Pergolesi; Carla Stella; Stefano Scandaletti; Eleonora Panizzo; Vasco Mirandola; Alvaro Gradella; Gaetano Rampin; Diego Pagotto.