Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Ambientato nel 1866, racconta la storia di due famiglie produttrici di vino

IL LEONE DI VETRO: UN FILM NELLA TERRA DEL RABOSO

ll film, tra fiction e storia, presentato dal regista Salvatore Chiosi


TREVISO - Siamo nel 1866 alla vigilia del referendum per l'annessione del Veneto all'Italia. Nella spaccatura che attraversa il popolo, fra chi è a favore e chi contro, si traccia la storia dell'Italia e la storia di una famiglia che con passione si dedica alla produzione e commercio del loro vino, che oggi identifichiamo nel Raboso del Piave doc e nel Malanotte del Piave docg. In questa atmosfera che preannuncia svolte e cambiamenti epocali, si sviluppa la trama de “Il Leone di Vetro”, lungometraggio di fiction a carattere storico diretto da Salvatore Chiosi, intervenuto ai nostri microfoni, ambientato tra Venezia e le terre del Piave. Partendo dai giorni precedenti al referendum del 22 ottobre 1866, che sancirà l’annessione del Veneto al Regno d’Italia, il film attraversa le vicende di una famiglia veneta, i Biasin, cui si intrecciano le vicissitudini della famiglia Querini, aristocratica e in decadenza, entrambe produttrici di vino che commerciano in tutta Europa. Fra intrighi, passioni, dolori, si apriranno nuovi scenari e prospettive inaspettate. A far da sfondo la caduta di Venezia, per opera di Napoleone, e la sua annessione all’Italia. Ma si parla anche di passione per il proprio lavoro e per la propria terra. Cosi spiega il regista Salvatore Chiosi intervistato da Alessandra Ghizzo.

La sceneggiatura de Il Leone di Vetro è di Renzo Carbonera e Maximiliano Hernando, nel cast Claudio De Davide; Christian Iansante; Sara Ricci; Maximiliano Hernando Bruno; Andrea Pergolesi; Carla Stella; Stefano Scandaletti; Eleonora Panizzo; Vasco Mirandola; Alvaro Gradella; Gaetano Rampin; Diego Pagotto.