Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Processato per direttissima Lorenzo Zanardo, 40enne residente a Carbonera

AGGREDÌ UN 17ENNE IN SCOOTER: SE LA CAVA CON 8 MESI DI RECLUSIONE

Era accusato di tentata rapina, lesioni e resistenza a pubblico ufficiale


CARBONERA – (gp) Era finito alla sbarra per rispondere dei reati di tentata rapina, lesioni, resistenza a pubblico ufficiale e ubriachezza molesta. Dopo aver risarcito e chiesto scusa alla vittima, in virtù del suo comportamento processuale e del rito abbreviato (che gli ha garantito lo sconto di un terzo della pena) il 40enne di Carbonera Lorenzo Zanardo, difeso dall'avvocato Alessandra Nava, se l'è cavata con una condanna a otto mesi di reclusione. Al momento rimane ancora in carcere ma il suo legale, dopo aver incassato il parere favorevole del pm Francesca Torri, ha avanzato la richiesta di modifica della misura cautelare. Il giudice si è riservato la decisione ma con ogni probabilità nei prossimi giorni il 40enne verrà scarcerato e, nel peggiore dei casi, verrà messo agli arresti domiciliari. I fatti contestati risalgono al 23 aprile scorso. Secondo l'accusa l'uomo avrebbe fermato un ragazzo di 17 anni, che stava rientrando a casa in scooter, spingendolo in un fossato e picchiandolo selvaggiamente. Nonostante indossasse il casco, il 17enne riportò la frattura del setto nasale e varie contusioni alla spalla, con una prognosi complessiva di 25 giorni. Ad avvertire la Polizia era stato un 45enne di passaggio che aveva assistito alla scena. Gli uomini delle volanti, giunti immediatamente sul posto, erano riusciti a rintracciare Zanardo poco distante mentre tentava di dileguarsi attraverso un campo.