Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Nessuna responsabilità a carico di Giuseppe Cunial, a processo per omicidio colposo

MORTO SCHIACCIATO ALLE FORNACI DI POSSAGNO: DIRIGENTE ASSOLTO

Nel 2010 perse la vita Ivano Cunial, schiacciato da 35q di mattoni


POSSAGNO – (gp) Era finito di fronte al giudice per rispondere del reato di omicidio colposo per la morte di Ivano Cunial, il 38enne dirigente di “Cotto Possagno” morto in un infortunio sul lavoro il 7 dicembre 2010. Ma Giuseppe Cunial, titolare dello stabilimento delle Fornaci di via Molinetto difeso in aula dall'avvocato Fabio Pinelli, è stato giudicato innocente e assolto con formula piena. Sul banco dei testimoni si erano seduti nel corso del procedimento penale i tecnici dello Spisal che avevano effettuato i rilievi, alcuni colleghi di lavoro della vittima che avevano ricostruito la dinamica dell'accaduto, e anche i consulenti tecnici della difesa che hanno esposto le loro conclusioni in merito alle presunte violazioni in materia di sicurezza contestate all'imputato. Ne è emerso che le responsabilità a carico di Giuseppe Cunial sono state nulle. La morte di Ivano Cunial aveva sconvolto l'intero paese: l'uomo stava effettuando dei lavori su un carrello che trasportava un bancale di mattoni e coppi pronti per la cottura, quando è rimasto schiacciato da 35 quintali di materiale che gli si è rovesciato addosso. A causare il ribaltamento, e quindi la morte del dirigente, sarebbe stato il cedimento strutturale del carrello. Dopo i primi sopralluoghi da parte dello Spisal che aveva messo sotto sequestro il carrello dove Cunial stava lavorando per la manutenzione e il tunnel da dove fuoriescono i bancali di coppi, essiccatori e mattoni, il fascicolo era arrivato in procura.