Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/204: TERZO "RITORNO" PER TIGER WOODS

Al Genesis Open non passa il taglio, vince Bubba Watson


TREVISO - È il terzo riscontro alla ripresa di Tiger Woods, forse il decisivo, dopo la lunga assenza seguita ai due interventi chirurgici. Il Genesis Open, torneo del PGA Tour, si disputa sul percorso del Riviera CC, a Pacific Palisades in California. Lo ha combattuto undici volte senza mai...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il giovane, residente a Padova, era finito a processo per lesioni e violenza privata

"NONNISMO" ALL'ISTITUTO PENALE MINORILE: CONDANNATO A 4 MESI

I fatti nel febbraio 2012: vittima umiliata di fronte ai comagni di cella


TREVISO – (gp) Quattro mesi di reclusione per un episodio di “nonnismo” nel carcere minorile di Treviso. E' la condanna inflitta a un 21enne padovano per aver molestato e umiliato un compagno di cella il 9 febbraio 2012. Un singolo episodio che ha spedito a processo il giovane per rispondere dei reati di violenza privata e lesioni. Difeso dall'avvocato Daniele Panico, il 21enne se l'è cavata con una pena di gran lunga inferiore rispetto alle richieste del pm, che ipotizzava una condanna a un anno e sei mesi di reclusione. I fatti contestati si sono verificati all'interno della stanza numero 5 dell'istituto penale minorile di Santa Bona. Stando a quanto sostenuto dalla Procura di Treviso, l'imputato avrebbe preso di mira un suo compagno di cella costringendolo, contro il suo volere, a “rimanere immobilizzato in una situazione di umiliante di fronte ad altri compagni di cella”. Nello specifico avrebbe legato le braccia la vittima con un laccio, abbassandogli pantaloni e mutande per poi morderlo e prenderlo a schiaffi e pugni al volto, alla testa e alle spalle causandogli ferite giudicate guaribili in 5 giorni di prognosi.