Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Accordo tra l'Ordine degli Avvocati e l'Agenzia delle Entrate per il recupero crediti

ESECUZIONI SBLOCCATE GRAZIE AL PATTO TRA I LEGALI E IL FISCO

La sinergia permetterÓ lo smaltimento delle sentenze 2011-2013


TREVISO - (gp) Sbloccato l'immobilismo per quanto riguarda le esecuzioni. Un accordo tra l'Ordine degli Avvocati di Treviso e l'Agenzia delle Entrate potrà finalmente permettere di smaltire le sentenze arretrate del periodo 2011-2013 per le quali non era stato ancora precisato l'importo della tassa di registro da corrispondere. Un inghippo che di fatto paralizzava l'intera esecutività delle sentenze. In altre parole è stato eliminato uno dei blocchi che non permetteva il recupero dei crediti da parte di molte imprese trevigiane. “Non potendo indicare l’ammontare della tassa diventa molto più difficoltoso procedere con l’esecuzione – spiega il consigliere dell’Ordine degli Avvocati, Maurizio Jacobi -  ma resta il problema dei tempi e dei costi da sostenere per rientrare delle somme che sono dovute. Nel recuperare un credito ci sono tante e tali spese da anticipare che  molti  creditori lasciano perdere”. Le imprese trevigiane sono infatti entrate in apnea perché sempre più spesso “vittime” di crediti non pagati che ammontano a importi che non conviene esigere per via giudiziale. “A Treviso – denuncia il segretario dell’Ordine degli Avvocati Mariacristina Sacchini - il sistema delle esecuzioni  è bloccato. L’attività svolta per ottenere il titolo esecutivo comporta anticipazioni da parte dei creditori per spese di causa o di registrazione dei decreti ingiuntivi tali da rendere antieconomico il recupero”. Tra arretrato da smaltire, carenze di organico in tribunale e aste che vanno deserte, sono di fatto pochissimi coloro che  riescono ad anticipare le spese delle esecuzioni e ad aspettare i tempi lunghissimi della procedura di recupero.