Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Complessa operazione della Mobile tra Treviso e l'Est Europa

SGOMINATA L'ALLEANZA DELLA PROSTITUZIONE SUL TERRAGLIO

Gli albanesi controllavano la strada, i romeni gestivano le lucciole


TREVISO - Una vera e propria alleanza d'affari, in cui ogni gruppo aveva una specializzazione precisa. Affari loschi, s'intende: il controllo della prostituzione lungo in Terraglio, a Preganziol. E' quella sgominata dalla Squadra Mobile di Treviso al termine di una complessa indagine, in parte ancora in corso, tra la Marca, Roma e l'Est Europa.

L'organizzazione albanese si occupava del luogo di lavoro, controllando la strada, assicurando che nessuno occupasse le 13 postazioni designate ed “affittandole” per circa 3-400 euro ciascuna a settimana ad una banda di romeni. Questi ultimi, procuravano la manodopera: una quindicina di ragazze, tutte giovanissime, tra i 18 e i 23 anni, anch'esse originarie della Romania. Molte di loro, tra l'altro erano legati da relazioni sentimentali con gli sfruttatori, tanto da coprirli con gli investigatori. Le lucciole consumavano dai sette ai dieci rapporti a notte, sia in auto, al prezzo di circa 30 euro, sia in stanze di appartamenti o alberghi (in questo caso l'importo saliva fino a 100 euro).

L'operazione, battezzata “Chirie de loc”, ovvero “Affitto della strada”, ha portato il gip ad emettere, a fine 2013, sei ordinanze di custodia cautelare per Roberto Kovaci, albanese, e Adrian Sava, Iulian Valentin Toader, Ionut Giurca, Nicusor Trandafir, Adrian Trifan, tutti romeni. Soprattutto il primo, era un nome già noto agli inquirenti: è il fratello di Edmond Gjmi, considerato il boss della prostituzione tra Mestre e Treviso. Ed era proprio Gjmi, in galera per traffico di droga, a dare ordini al fratello, durante i colloqui con i parenti, su come mandare avanti l'attività. Kovaci è stato arrestato insieme a Sava: il romeno, però, messo ai domiciliari è scappato facendo perdere le sue tracce. Altri tre romeni non sono stati, Trandafir, grazie ad un mandato di cattura europeo, è stato rintracciato nel suo paese d'origine, estradato in Italia e ora si trova nel carcere di Rebibbia.

Indagati a piede libero anche altri tre romeni, due albanesi e un italiano: un 37enne veneziano, che faceva da autista alle lucciole.

Nel corso delle indagini, i poliziotti hanno appurato che alcuni dei romeni avevano compiuto anche a vari furti in zona.