Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO "Ha paura di perdere potere e fa ostruzionismo"

"ZAIA CONTRO LA CITTÀ METROLITANA? ATTEGGIAMENTO ANTISTORICO"

Manildo replica al ricorso del governatore contro la Patreve


TREVISO - “Una posizione antistorica”. Il sindaco di Treviso bolla così il ricorso, annunciato dal presidente della Regione, Luca Zaia, contro l'istituzione delle città metropolitane e, di conseguenza, delle costituenda PaTreVe. Per il primo cittadino del capoluogo della Marca, tra i più attivi promotori di una stretta collaborazione con Padova e Venezia, “l'area metropolitana è una delle poche opportunità che abbiamo per gareggiare a livello europeo e per dare un governo ad un substrato che esiste già”. L'atteggiamento di Zaia, dice Manildo, rappresenta una sorta di “ostruzionismo motivato dalla difesa di rendite di posizione”. Forse motivato, aggiunge, dal timore che l'aggregazione tra Padova, Treviso e Venezia possa intaccare il peso politico della Regione.
Secondo Manildo, tuttavia, sono le stesse categorie economiche a chiedere questa nuova dimensione amministrativa: “la società è più avanti della politica”. Proprio nell'ottica di un ripensamento degli strumenti amministrativi, il sindaco ha coordinato una riunione con i colleghi di svariati comuni della circondario del capoluogo e della provincia, con lo scopo di discutere di forme di aggregazioni di funzioni: “Finora ha partecipato anche qualche sindaco leghista e tutti hanno portato un contributo fattivo: spero continui ad essere così”.