Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Pieve di Soligo, un incendio aveva devastato un capannone il 24 aprile scorso

ANCORA UN ROGO ALLA "MAIA" MACCHINARIO IN FIAMME

Fumo nel seminterrato, intervengono i vigili del fuoco


PIEVE DI SOLIGO - Un incendio ha interessato in mattinata l'azienda “Maia uova” di via Sernaglia a Pieve di Soligo. Le fiamme hanno interessato in particolare un macchinario che era dislocato in un seminterrato: fortunatamente i danni sono stati limitati. Sul posto sono intervenute alcune squadre dei vigili del fuoco di Treviso che hanno messo in sicurezza i locali. Lo scorso 24 aprile un altro incendio, di proporzioni ben più importanti, devasto' uno dei capannoni dismessi dell'azienda: il rogo sprigiono' una nube tossica che dalle analisi Arpav svolte nei giorni seguenti non portò fortunatamente a gravi conseguenze per l'ambiente.