Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Derubricato il reato da maltrattamenti ad abuso dei mezzi di correzione

CHIUSO FUORI CASA A 5 ANNI PER PUNIZIONE: GENITORI CONDANNATI

Cinque mesi di carcere a una casalinga di 35 anni e a un operaio di 50


VALDOBBIADENE – (gp) Per la Procura si trattava di vessazioni quotidiane e punizioni troppo severe tanto da sfociare in veri e propri maltrattamenti in famiglia. Ma il processo a carico di due coniugi cinesi, operaio 50enne lui, casalinga 35enne lei, si è chiuso con un ridimensionamento delle accuse (il giudice ha derubricato il reato da maltrattamenti in famiglia ad abuso dei mezzi di correzione) e una condanna a cinque mesi di reclusione ciascuno, con sospensione condizionale della pena. La coppia, regolare in Italia e da anni inserita nel tessuto sociale della Marca assieme ai tre figli di 10, 6 e 3 anni, era finita in tribunale per aver adottato un metodo di insegnamento dell'educazione e della disciplina che definire ferreo sembra davvero poco, almeno secondo gli inquirenti. Diverse infatti erano state le segnalazioni dei vicini di casa della famiglia orientale che sentivano urla e litigi provenire dall'appartamento. Difesi in aula dagli avvocati Jenny ed Helga Lopresti, marito e moglie hanno sempre respinto le accuse dicendo di aver utilizzato metodi correttivi ed educativi forti, ma di non aver mai praticato alcuna violenza fisica o psicologica nei confronti dei figli. I fatti contestati sono emersi a maggio del 2011. La denuncia aveva fatto scattare subito i controlli dei carabinieri, che in un primo momento non avevano portato a nulla. All'ultima visita nell'abitazione però i carabinieri avevano trovato il figlio di 5 anni fermo in piedi fuori dalla porta di casa. Erano le 13 e soltanto in un momento successivo si è capito che si trovava lì immobile dalle 6.30 del mattino. Una punizione inflitta soltanto a causa della sua vivacità, secondo l'accusa.