Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

AUDIO Il sindaco di Treviso "incredulo e stupito" per la tangentopoli veneta

MANILDO ASSICURA: "L'ARRESTO DI ORSONI NON FERMA LA PATREVE"

"Il progetto dell'area metropolitana prescinde dagli interpreti"


TREVISO - “La Patreve va avanti: il progetto esiste a prescindere dagli interpreti”. Il sindaco di Treviso, Giovanni Manildo, assicura che il lavoro per dar vita all'area metropolitana tra il capoluogo della Marca, Venezia e Padova non subirà battute d'arresto nonostante l'arresto di uno dei protagonisti, il sindaco della città lagunare, Giorgio Orsoni, nell'ambito dell'inchiesta sulle presunte tangenti per il Mose.
Manildo ammette di essere rimasto molto stupito del coinvolgimento del collega veneziano (Orsoni si trova ai domiciliari) e ribadisce “l'incredulità e lo sconcerto” con cui ha accolto la notizia della maxi operazione attuata dalla Procura e dalla Guardia di Finanza di Venezia. “il Veneto deve reagire e fare pulizia nei propri centri di potere”, ammonisce il primo cittadino di Treviso.