Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Oltre a Federico Sutto e Giampietro Marchese, c'è anche Andrea Rismondo

TANGENTI MOSE: NELL'INCHIESTA COINVOLTI QUATTRO TREVIGIANI

In manette è finito Giovanni Artico, funzionario in Regione Veneto


VENEZIA – (gp) Sono quattro i trevigiani coinvolti nell'inchiesta della Procura di Venezia sulle tangenti del Mose. Tre sono finiti in carcere, uno agli arresti domiciliari. Si tratta di Federico Sutto, 61enne di Zero Branco e dipendente del Consorzio Venezia Nuova, Giovanni Artico, 53enne ex commissario straordinario per il recupero territoriale e ambientale di Porto Marghera (ora funzionario della Regione Veneto e collaboratore di Renato Chisso), il consigliere regionale del Pd Giampietro Marchese, 47enne nativo di Chiarano e residente a Jesolo, e Andrea Rismondo, veneziano di nascita ma residente a Preganziol e rappresentante legale della Selc sc., società consorziata al Consorzio Venezia Nuova. Il loro coinvolgimento nella vicenda è descritto nelle settecentoundici pagine dell'ordinanza di custodia cautelare che ha raggiunto 35 persone, con nomi di spicco tra gli indagati. Il deputato Giancarlo Galan "nella sua qualità di presidente della Regione Veneto, per compiere atti contrari ai suoi doveri" è accusato di aver ricevuto "per tramite di Renato Chisso, che a sua volta li riceveva direttamente dallo stesso Mazzacurati", "uno stipendio annuale di circa 1 milione di euro, 900 mila euro tra il 2007 e il 2008 per il rilascio nell'adunanza della commissione di salvaguardia del 20 gennaio 2004 del parere favorevole e vincolante sul progetto definitivo del sistema Mose, 900 mila euro tra 2006 e 2007 per il rilascio (...) del parere favorevole della commissione Via della regione Veneto sui progetti delle scogliere alle bocche di porto di Malamocco e Chioggia". L'assessore regionale ai Lavori pubblici Renato Chisso, che è stato arrestato, è accusato di aver percepito "uno stipendio annuale oscillante tra i 200 e i 250 mila euro, dalla fine degli anni Novanta sino ai primi mesi del 2013". Il sindaco di Venezia Giorgio Orsoni è accusato di finanziamento illecito poiché "con più azioni esecutive del medesimo disegno criminoso, quale candidato sindaco del Pd alle elezioni comunali di Venezia del 2010, riceveva i contributi illeciti", "consapevole del loro illegittimo stanziamento da parte del Consorzio Venezia Nuova": 110 mila euro al Comitato elettorale del candidato sindaco e 450 mila ricevuti in contanti "di cui 50 mila procurati dal Baita quale amministratore delegato della Mantovani che Sutto e Mazzacurati consegnavano personalmente in contanti a Giorgio Orsoni, in assenza di deliberazione dell'organo sociale competente e della regolare iscrizione in bilancio". Giampietro Marchese è accusato "quale candidato dal Consiglio regionale del veneto per il Pd alle elezioni 2010 riceveva i contributi illeciti" per 58 mila euro