Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Incastrati da un'intercettazione, l'avv. Biadene: "Erano solo investimenti"

PRESTITI A TASSI D'USURA: VERSO IL PROCESSO I CONIUGI DI SELVANA

Avrebbero consegnato 150 mila euro a un imprenditore pugliese


TREVISO - (gp) Chiuse le indagini a carico del sottufficiale dell'aeronautica E.G. e della moglie R.S., cinquantenne come lui,  indagati per usura dalla Procura di Taranto.  Stando alle accuse, basate sulle intercettazioni telefoniche effettuate dalla guardia di finanza in merito a un'altra inchiesta con cui Gigante non ha nulla a che fare, il 50enne di Selvana avrebbe concesso due prestiti a un imprenditore pugliese legato al mondo dello spettacolo e alla sua segretaria: il primo di 100 mila euro, il secondo di 50 mila. Le fiamme gialle sostengono che il denaro sarebbe dovuto rientrare in 10 rate nel primo caso, in due nel secondo, con un tasso d'interesse considerato usurario. In realtà, almeno questa la linea difensiva rappresentata dall'avvocato Cristiano Biadene, quei prestiti altro non sarebbero che investimenti effettuati dalla coppia trevigiana: tant'è che di quei soldi, secondo la difesa, non sarebbero mai tornati al mittente, se non qualche migliaio di euro. La guardia di finanza però s'interroga sul fatto che la coppia, stando alle dichiarazioni dei redditi, non avrebbe avuto disponibilità di denaro in tale quantità. Nello specifico contestano 500 mila euro di patrimonio che, per loro, sarebbe illecito. Ma l'avvocato Biadene ha già depositato i documenti che attestano come quel patrimonio sia frutto di un'eredità.