Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'intervista a Livio Meo del Cineforum Labirinto

ULTIMO APPUNTAMENTO NOIR CON ASCENSORE PER IL PATIBOLO

Stasera, venerdì 6 giugno, a Ca' dei Ricchi


TREVISO (ag) - Termina con la proiezione di una pietra miliare della storia del cinema, la mini rassegna di film noir organizzata dall'associazione Cineforum Labirinto, a Ca' dei Ricchi, sede di dell'associazione Tra Treviso Ricerca Arte.
Livio Meo, del Cineforum Labirinto, presenta l'appuntamento di questa sera, venerdì 6 giugno alle 21.00. In programma “Ascensore per il patibolo”, coraggiosa opera prima di Louis Malle, che lo avvierà nella sua eclettica carriera di regista.
Florence e Julien sono amanti e decidono di sbarazzarsi del marito di lei, Simon, uomo potente che gestisce affari con i vertici della politica. I due architettano un piano che sembra perfetto, disponendo ogni dettaglio in modo che la polizia pensi ad un suicidio. Ma quando Julien tenta di lasciare l’edificio in cui ha compiuto il delitto, rimane chiuso nell’ascensore.
“Ascensore per il patibolo” è anzitutto un album di splendide inquadrature, calibratissima fusione di sottili suggestioni fotografiche e sonore. Un thriller teso e ammaliante, divenuto memorabile per la camminata d’antologia di Jeanne Moreau nella notte parigina e per la stupenda colonna sonora di Miles Davis.

Livio Meo ci ha inoltre anticipato i prossimi progetti del Cineforum Labirinto: da ottobre verrà organizzato la “Scuola di Cinema”, un corso di linguaggio cinematografico condotto dal critico Elena Grassi per chi è interessato a sviluppare un punto di vista critico. Imparare a interpretare l'opera attraverso il “non detto”, ossia i meccanismi tecnici: messa in scena, inquadratura, montaggio, movimenti di macchina, luci e suoni... Dal cinema delle origini con i fratelli Lumière al post moderno di Quentin Tarantino.
Per info www.http://cineforumlabirinto.wordpress.com

Galleria fotograficaGalleria fotografica