Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/240: A DONNAFUGATA IL CAMPIONATO INDIVIDUALE AIGG 2018

I giornalisti golfisti si sfidano in Sicilia


DONNAFUGATA - Il maltempo aveva imperversato fino il giorno prima, e continuava a devastare parte della Sicilia. Non eravamo in molti giornalisti praticanti di golf provenienti da mezza Italia, a prendere il coraggio e andar a sostenere il Campionato già da tempo programmato. Donnafugata, il...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/239: DAGLI USA LA NUOVA PROMESSA AZZURRA

Virginia Elena Carta vince il Landfall Traditional


La giovane italiana Virginia Elena Carta trionfa nel Landfall Traditional, prestigioso torneo del campionato universitario americano.  È il 30° successo azzurro in campo internazionale: nuovo record in una stagione. Conosco Virginia, son passati molti anni da quando ebbi...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/238: IL CAMPIONATO ITALIANO DI DOPPIO DELL'AIGG

Al club Chervò il torneo intitolato a Paolo Dal Fior


SIRMIONE - Concluso il Challenge AIGG che ci ha portato a giocare sui più bei Campi d’Italia, e insabbiata la Coppa delle Nazioni dall’esito meno brillante per la squadra dell’Italia (sesto posto), vinta dalla Germania a Villa Carolina, era ora la volta del Campionato...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, perquisite le abitazioni di tre operai colombiani e di una coppia di italiani

SPACCIO DI COCAINA: ARRESTATO PROFESSIONISTA TREVIGIANO

il blitz della squadra mobile all'alba: il 40enne viveva a Verona


TREVISO - Un libero professionista trevigiano è stato arrestato a Verona e cinque perquisizioni sono state eseguite nelle abitazioni di altre cinque persone: tre colombiani residenti a Treviso, tutti operai, di 37, 27 e 47 anni, un 31enne di Marcon, titolare di un campeggio, e la fidanzata 29enne, impiegata, anche lei trevigiana. Questo il bilancio di una vasta operazione antidroga condotta dalle prime luci dell'alba dalla squadra mobile della Questura di Treviso. Il professionista finito in carcere per spaccio di sostanze stupefacenti viveva nella Marca fino a pochi mesi fa e secondo gli investigatori sarebbe ai vertici di un'organizzazione italo-colombiana specializzata nello smercio di cocaina. Le perquisizioni degli indagati hanno dato esito negativo. L'operazione è collegata a doppio filo a quella messa a segno dalla polizia nel settembre dello scorso anno e che portò all'arresto del colombiano Julio Cesar Soto Sepulveda e di Elena Fabbris, entrambi 35enni, lui operaio e lei impiegata. Nell'abitazione ad Oderzo in cui i due vivevano con la loro figlioletta di 8 anni, i poliziotti sequestrarono mezzo chilo di cocaina divisa in ovuli oltre a 10 mila euro in contanti.