Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

L'economista Vaciago: "Per uscire dalla crisi, emulare chi sta andando bene"

NELLA MARCA 9MILA FAMIGLIE FATICANO A RESTITUIRE IL MUTUO

Il rapporto sul mercato del lavoro disegna una ripartenza molto fragile


TREVISO - Sono in aumento le famiglie e le imprese trevigiane che non riescono a rispettare le rate dei prestiti ricevuti. Dall'inizio della crisi ad oggi, i nuclei familiari in difficoltà con il rientro dei finanziamenti sono passate da poco più di 7mila a 9.150, con un importo medio di 60mila euro ciascuna. In crescita anche le sofferenze dei crediti verso le imprese, in particolar modo nel settore delle costruzioni, con una media di 600mila euro di esposizione.
Il dato, evidenziato nel corso della presentazione del Rapporto annuale sul mercato del lavoro curato dall'Osservatorio economico di Treviso, rappresenta l'ennesima riprova di come la ripresa sia ancora discontinua, incerta e proceda a diverse velocità. Un “doppio movimento”, lo definisce Federico Callegari, responsabile dell'ufficio studi della Camera di commercio e presidente del comitato tecnico dell'Osservatorio.
La richiesta di alcune figure professionali è in crescita: tecnici di macchinari meccanici ed elettronici, ma anche esperti di marketing, di organizzazione aziendale, di mercati esteri. Franco Lorenzon, vicepresidente dell'Osservatorio, a nome dei sindacati, lancia l'allarme su un'occupazione ancora stagnante.
Come uscire definitivamente dalle secche e tornare a crescere, anche a Treviso? E' la domanda rivolta dall'Osservatorio a Giacomo Vaciago, professore dell'università Cattolica di Milano, uno dei più stimati economisti italiani. La sua ricetta parte da un concetto: “emulare chi sta andando meglio in Europa”. “La ricchezza nel mondo non si è ridotta, semmai si è spostata altrove – spiega il professore -. Il problema è rendere di nuovo appetibile il nostro paese, non solo per il turismo, ma anche per gli investimenti industriali”. Ma Vaciago avverte anche come non si possa vivere solo di esportazioni: “L'export è la certificazione che un'impresa ha un suo valore di mercato, vivere solo di vendite interne può nascondere rapporti di corruzione”.