Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Silea, portata al Ca' Foncello e medicata, indagine lampo dei carabinieri di Treviso

PAURA IN CIMITERO: 61ENNE RAPINATA E FERITA ALLA GOLA

In cella Christian Bordoli, era gią stato in carcere per violenza sessuale


SILEA - “Stavo soccorrendo la signora”: sono state queste le uniche parole pronunciate da Christian Bordoli, 34enne di Silea, quando i carabinieri, coordinati dal comandante Stefano Mazzanti (nella foto), lo hanno fermato mentre cercava di nascondersi in un campo. Qualche istante prima aveva rapinato brutalmente della sua borsetta una 61enne di Casier all'interno del cimitero di Silea, in via Creta. La donna che era in visita presso la tomba del padre è stata sorpresa alle spalle dal bandito, ferita al collo con un coltello e spinta giu' per una scalinata dal malvivente. La 61enne aveva cercato inutilmente di divincolarsi dalla morsa dell'uomo, con una gomitata; lui, afferrata la borsa, ha spintonato violentemente la donna a terra ed è poi fuggito. L'episodio, avvenuto poco dopo le 15.30 di ieri, ha portato il 34enne nuovamente in carcere per rapina: dalla cella era uscito nel dicembre 2013, dopo aver scontato la pena per una violenza sessuale commessa su una ragazza nel 2006. Ad incastrarlo sono stati due coniugi che stavano entrando all'interno del cimitero ed hanno visto il malvivente mentre fuggiva via trafelato, con la borsa in mano. I carabinieri setacciando la zona hanno sorpreso Christian Bordoli mentre, ancora sporco di sangue, cercava di nascondersi in un canneto. La donna, sotto choc, è stata trasportata dai paramedici del Suem al Ca' Foncello di Treviso: ha riportato varie lesioni tra cui una frattura alla prima vertebra lombare, un trauma cranico ed una ferita lacero contusa al capo e al collo. La prognosi sarà almeno di trenta giorni.

Galleria fotograficaGalleria fotografica