Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 54enne, impiegato della Asco Tlc, era accusato di tentato omicidio premeditato

TENTÒ DI UCCIDERE L'EX MOGLIE: DODICI ANNI A STEFANO RIZZO

Risarcirà con 350 mila euro Gianangela Gigliotti, dipendente dell'Ulss 7


CONEGLIANO – (gp) Dodici anni e due mesi di reclusione, oltre al pagamento di una provvisionale di 350 mila euro. Questa la sentenza di condanna emessa a carico di Stefano Rizzo, il 54enne impiegato commerciale della Asco Tlc accusato di aver premeditato il tentato omicidio nei confronti dell'ex moglie Gianangela Gigliotti, dipendente amministrativa dell'Ulss 7, non riuscendo nel suo intento ma rendendola invalida al 90% e non autosufficiente. La difesa dell'uomo, rappresentata dagli avvocati Barbara Cotrufo e Annamaria Giovannetti, aveva tentato di giocare l'ultima carta prima del processo chiedendo oltre allo sconto di pena per il rito abbreviato anche una perizia psichiatrica. Ma il gup Gioacchino Termini aveva rigettato l'istanza dei legali sostenendo che il 54enne era lucido al momento del fatto e come tale doveva essere giudicato. D'altra parte Rizzo, finito in carcere il 28 luglio dello scorso anno dopo quattro giorni di latitanza, nel corso dell'interrogatorio con il pm Barbara Sabattini, titolare delle indagini, aveva raccontato la propria versione dei fatti ricostruendo gli attimi del delitto e i motivi, sostanzialmente di natura economica, che avrebbero armato la sua mano. Rizzo aveva confermato e chiarito alcuni aspetti della vicenda rimasti oscuri agli inquirenti e dalle sue parole sembrava aver preso forma anche l'ipotesi che gli investigatori avevano considerato inizialmente, mettendo sotto protezione il figlio di Rizzo: se quel giorno il giovane si fosse trovato in casa probabilmente avrebbe fatto la stessa fine. “Aspetteremo il deposito delle motivazioni prima di decidere il ricorso in appello – ha commentato l'avvocato Barbara Cotrufo – Rizzo non ha ottenuto nessuno sconto se non quello previsto per il rito abbreviato. Si rende perfettamente conto di quello che ha fatto”. Diversa l'interpretazione dell'avvocato Mara Zanotto, il legale di parte civile: “Rizzo ha infierito sull'ex moglie, ma l'aggravante della crudeltà e delle sevizie non è stata contestata. La signora Gigliotti porterà per sempre i segni di quella brutale aggressione. E' seguita sia psicologicamente che farmacologicamente, avrà bisogno di una badante e la sua casa, quando terminerà il percorso di riabilitazione, dovrà essere modificata per permetterle di abitarci”.



Notizie collegateNOTIZIE COLLEGATE Notizie collegate
28/07/2013 - Catturato Stefano Rizzo:
era a casa della madre