Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Manildo: "D'ora in avanti sempre più provvedimenti concreti"

"IN UN ANNO GETTATE LE FONDAMENTA DELLA NUOVA CITTÀ"

Il bilancio dei primi dodici mesi di amministrazione del centrosinistra


TREVISO - Il 10 giugno 2013 veniva eletto nuovo sindaco di Treviso, segnando una svolta dopo un ventennio di governo leghista. Ad un anno esatto, il sindaco Giovanni Manildo insieme ai suoi assessori e al presidente del Consiglio, Franco Rosi, traccia il bilancio dei primi dodici mesi di amministrazione. Per tutti tre parole con cui sintetizzare quanto fatto: Manildo sceglie “visione, ottimismo, coraggio”. Molti numeri, diversi progetti già avviati, dalla pedonalizzazione ai 30 all'ora in centro, dalla raccolta differenziata ad una maggior progressività nelle imposte locali, la riorganizzazione della macchina di Ca' Sugana con il taglio di un assessore e di un dirigente con un risparmio di 128mila euro. Tanti altri in fase di compimento, come il Pat, o a più lunga scadenza come il rilancio del centro o la cittadella dello sport, con un palazzetto per ospitare competizioni sportive. “Un anno di studio, in cui sono state gettate la fondamenta della città che vorremmo – annuncia il sindaco -. Nei prossimi anni aumenterà la frequenza dei provvedimenti concreti, perchè darà frutti il lavoro preparatorio e il nuovo modo di operare che abbiamo messo a punto in questo primo periodo”.
Tra i momenti più significativi, Manildo indica il concerto-spettacolo di Paolini e Brunello in piazza dei Signori e ammette qualche rammarico “soprattutto per la burocrazia e per le lungaggini su scelte che non competono direttamente da noi”. Per assicurare un impegno: “Non abbiamo paura di affrontare più cose contemporaneamente: stiamo cercando di risolvere tutti i problemi”.