Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/190: L'OPEN D'ITALIA 2017 È DA RECORD

Davanti a 73mila spettatori, vince l'inglese Hatton


MONZA - Eccoci giunti all’attesissimo evento, la manifestazione golfistica cardine sul territorio italiano! Preceduto da festeggiamenti, si è celebrato, dal 12 al 15 ottobre il 74° Open d’Italia, al Golf Club Milano. I più forti professionisti mondiali di Golf si son...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/189: CAMPI PRATICA, COLONNA PORTANTE DELLO SPORT

A Ca' della Nave il torneo dell'associazione dei club


MARTELLAGO - È con simpatia, che sabato 30 settembre il Golf Club Cà della Nave ha accolto l’Associazione Campi Pratica per una gara stableford a tre categorie, settima degli otto incontri della serie TROFEO, che a turno ogni Circolo appartenente all’associazione,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/188: TUTTO PRONTO PER L'OPEN D'ITALIA 2017

Al Parco di Monza il torneo del massimo circuito europeo


TREVISO - Il 74° Open d’Italia sta per andare in scena; è il principale evento sportivo nazionale legato alla Ryder Cup 2022, la sfida fra Europa e Stati Uniti, in programma fra cinque anni al Marco Simone Golf & Country Club. È il primo Open d’Italia con un...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, nessun testimone della tragedia, gli inquirenti vogliono fugare ogni dubbio

TEST DEL "GUANTO DI PARAFFINA" PER LA MOGLIE DI FRANCESCO RUSSO

La Procura ha disposto anche l'autopsia ed una perizia balistica


TREVISO - Sarà svolta sabato l'autopsia sul corpo di Francesco Russo, il finanziere 39enne che si è tolto la vita con un colpo di pistola martedì a Ponzano, di fronte allo stadio "Bepi Pizzolon", al termine di un drammatico litigio con la moglie.
A svolgere l'esame autoptico sarà l'anatomopatologo Alberto Furlanetto. L'assenza di testimoni sul luogo della tragedia ha indotto il pm Gabriella Cama ad aprire un fascicolo per svolgere questo tipo di accertamenti: un atto dovuto anche per la tutela della stessa moglie di Russo. La 38enne, dipendente amministrativa dell'ospedale San Camillo di Treviso, è stata inoltre sottoposta al test dello stub: si tratta di un esame che serve a misurare i residui di polvere da sparo sia sulla vittima che sulla mano della moglie, unica presente al momento dello sparo. Un ulteriore test di tipo balistico servirà invece a ricostruire la traiettoria esatta del colpo. Secondo la ricostruzione degli investigatori Francesco Russo, estratta la sua pistola d'ordinanza, si è puntato l'arma al collo ed ha fatto fuoco.