Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/186: CONCLUSO IL CHALLENGE 2017 DEI GIORNALISTI GOLFISTI

Le ultime due tappe in Lombardia, all'Albenza e Villa d'Este


TREVISO - Due belle giornate, 4 e 5 settembre, in due campi super, hanno contraddistinto la conclusione del viaggio in Italia dei giornalisti golfisti: il challenge di dodici memorabili tappe, che ci han permesso di giocare su altrettanti campi, riconosciuti tra i più belli d’Italia....continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/185: I CAMPIONI DI DOMANI DI SCENA AL "TEODORO SOLDATI"

Il sudafricano Vorster trionfa all'International Under 16 Championship


BIELLA - Gara di rilievo l’International Under 16 Championship. Questo Campionato Internazionale disputato per la prima volta nel 2007 (andato in dote a Rory McIlroy), fa parte del calendario EGA, ed è la manifestazione più sentita del panorama golfistico europeo a livello...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/184: IL GOLF CONQUISTA L'ITALIA CON LA RYDER CUP

Eventi promozionali dal Monte Bianco alla Sicilia


TREVISO - Nell’accettare l’agognata assegnazione al nostro Paese della Ryder Cup 2022, la Federazione Italiana Golf si è dovuta seriamente impegnare per lo sviluppo di questa disciplina sportiva, e per un arco temporale che va dal 2016 al 2027. Sono previsti circa 105 tornei di...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, due infermiere in soccorso, il piccolo pesa 3,40 kg ed Ŕ lungo 52 cm

MARCO HA FRETTA DI NASCERE: PARTO NEL PARCHEGGIO DELL'OSPEDALE

PapÓ Pietro e mamma Lucia non sono riusciti ad arrivare in sala


MONTEBELLUNA - Sono stati dimessi questa mattina e sono in ottime condizioni la signora Lucia e il piccolo Marco. Ma la loro storia non è di quelle normali. Infatti, aveva fretta di nascere, il piccolo Marco, che nella notte tra il 9 ed il 10 giugno è venuto al mondo prima che papà Pietro riuscisse ad accompagnare la moglie Lucia al quarto piano dell’ospedale San Valentino di Montebelluna. Travaglio e parto sono infatti durati pochissimi minuti. Erano circa le 3.45 quando la signora Lucia ha iniziato a sentire le prime avvisaglie del travaglio con contrazioni piuttosto frequenti. Memori del precedente parto - quando la secondogenita era venuta alla luce in pochissimo tempo, anche in quel caso prima di arrivare in sala parto, nella reception dell’ospedale montebellunese - la coppia, che risiede nel territorio dell’Ulss 8, ha avvisato il reparto di Ostetricia e Ginecologia e sono partiti immediatamente alla volta dell’ospedale. Giunti a Montebelluna, i genitori si sono però diretti verso il Pronto soccorso vecchio credendo fosse ancora operativo. E’ qui che due infermiere - una strumentista ed una del servizio anestesia - che stavano uscendo dopo essere intervenute d’urgenza per un parto cesareo - si sono accorte della coppia: il signor Pietro alle prese con delle rocambolesche e veloci manovre alla guida dell’auto e la moglie accovacciata a terra vicino all’ingresso del vecchio Pronto soccorso. “Ho suggerito alla signora di alzarsi per trasferirla in sala parto ma quella mossa ha ulteriormente accelerato i tempi. In ventitre anni di lavoro non mi era mai capitata una situazione simile che ricorderò per sempre con grandissima emozione”, spiega una delle due infermiere.
Inutile quindi, il tentativo di cercare di trasferire la signora al quarto piano: ormai Marco era pronto per venire alla luce. Così, con una sola spinta, alle 4:20 il piccolo è venuto al mondo, davanti al signor Pietro che per neanche un secondo ha perso la calma e la lucidità. Le infermiere lo hanno quindi posto il piccolo sopra al ventre della madre che ha potuto stringerlo per qualche minuto. Nel frattempo giungeva l’ambulanza che ha trasferito la madre ed il piccolo al quarto piano dove è stata completata l’assistenza. Si è saputo allora che Marco alla nascita pesava 3,40 kg e era lungo 52 centimetri. Questa mattina la signora Lucia e Marco sono stati dimessi e potranno festeggiare assieme a papà Pietro e alle altre due figlie questa inconsueta e felice esperienza.