Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

FOTO Corto circuito nell'attico del titolare, Rino Antonello: ora è in rianimazione

ROGO DEVASTA L'ALBERGO ROMA EVACUATI 61 OSPITI, TRE FERITI

Chiusa piazza Giorgione, sul posto undici squadre dei vigili del fuoco


CASTELFRANCO - Devastato da un furioso incendio, divampato questa notte poco dopo le 2.30, l'albergo Roma di piazza Giorgione a Castelfranco. Il rogo, dovuto ad un corto circuito, è partito dall'attico del proprietario della struttura, Rino Antonello, 77 anni, e rapidamente si è propagato a tutto il quarto piano della struttura ricettiva. Subito è stata disposta l'evacuazione dell'edificio: erano presenti 61 ospiti che sono stati trasportati in altri alberghi della zona. Al lavoro ben undici squadre dei vigili del fuoco con 30 uomini impegnati per avere le ragione delle fiamme che sono state completamente domate solo in mattinata. Il fuoco si è propagato attraverso il tetto in legno ventilato dell'albergo. Sul posto sono intervenuti anche i carabinieri di Castelfranco, la protezione civile ed i medici del Suem118 che hanno trasportato al pronto soccorso di Castelfranco il titolare dell'albergo, una ragazza che vive in un condominio poco distante ed un turista libanese di 25 che ha riportato una forte irritazione alle vie respiratorie ma è già stato dimesso. Più gravi le condizioni di Rino Antonello che è ricoverato nel reparto di rianimazione dell'ospedale di Castelfranco con varie fratture, ustioni su tutto il corpo e intossicazione da monossido di carbonio. Fondamentale la mobilitazione per portare all'esterno dell'edificio i clienti dell'albergo: in prima persona è intervenuto anche il comandante dei carabinieri di Castelfranco, Salvatore Gibilisco.
I danni alla struttura, ora inagibile, sono ingentissimi (si parla, ma è solo una stima, di un milione di euro) sia a causa del fuoco che per la grande quantità d'acqua utilizzata per spegnere le fiamme. Sono in corso indagini per accertare le cause del rogo da parte della squadra di polizia giudiziaria dei vigili del fuoco: quasi certo che l'incendio sia dovuto ad un corto circuito all'interno dell'appartamento di Rino Antonello.
Piazza Giorgione è stata transennata e da questa notte chiusa al traffico per garantire le lunghe operazioni di soccorso dei vigili del fuoco, a lungo impegnati per spegnere i vari focolai presenti. Alcuni ospiti sono potuto rientrare nelle proprie stanze per recuperare i propri averi; chi occupava il quarto piano non ha purtroppo più potuto accedere ai propri effetti personali: i 16 alloggi del quarto piano sono andati completamente distrutti dal fuoco. Gli ospiti, la maggior parte turisti stranieri, sono ora alloggiati presso gli alberghi "Alla Torre", "Fior", "La Speranza" e "Moretto". Da stamani chiusi alcuni negozi adiacenti all'albergo Roma tra cui "Acqua e sapone", "Underground", la banca "Credito trevigiano" e l'agenzia immobiliare "Iris": tutti sono stati allagati dall'acqua utilizzata dai vigili del fuoco per spegnere l'incendio. Le parole di Giuseppe Quinto, caposquadra dei vigili del fuoco di Treviso.