Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, negoziante-detective dopo il raggiro li inseguì e cercò di fermarli

TRUFFA AL COMPRO-ORO: POLIZIA IDENTIFICA COPPIA DI NAPOLETANI

Sono una 50enne ed un 59enne, sono stati rintracciati ad Angri


TREVISO - Lo scorso 5 giugno riuscirono a raggirare la titolare di un negozio di “compro-oro” in viale Cairoli a Treviso, rifilando alcuni gioielli “patacca” in cambio di un migliaio di euro. Poi tentarono inutilmente di truffare anche una seconda negoziante ma furono costretti a desistere e a scappare. La vittima della truffa nel primo negozio, una trevigiana di 30 anni, si rese infatti subito conto che i preziosi acquistati erano semplice bigiotteria e riuscì a mandare a monte il secondo colpo: inseguì i truffatori e tentò di bloccarli nel secondo negozio di “compro-oro”. Ne nacque una collutazione e un nuovo inseguimento in cui la negoziante-detective, oltre a segnare il numero di targa, era riuscita a memorizzare i volti della coppia di truffatori. Si tratta di una 50enne ed un 59enne, originari di Napoli: ad entrare nei negozi e a mettere a segno i raggiri era la donna mentre il complice la attendeva solitamente in auto. La squadra mobile di Treviso, in neppure due settimane di indagini, ha identificato e denunciato entrambi per rapina. Fondamentale la collaborazione del centro operativo autostradale di Napoli che ha rintracciato l'auto utilizzata per le truffe a Treviso ad Angri, al confine tra le province di Napoli e Salerno. Al volante c'era il 59enne, ancora in possesso di gioielli in finto oro, pronti per essere utilizzati per ulteriori truffe all'interno in altri negozi di “Compro-oro”. Secondo gli investigatori la coppia avrebbe potuto aver messo a segno altri colpi in provincia di Treviso. Per questo motivo sono state diffuse le foto di entrambi i truffatori. Le modalità con cui agivano erano del resto particolari e ripetute: la donna fingeva solitamente di essere malata d'asma e puntualmente chiedeva che la porta d'ingresso venisse lasciata aperta. Un trucco per poter fuggire rapidamente nel caso venisse scoperta dalla negoziante di turno.