Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, negoziante-detective dopo il raggiro li inseguì e cercò di fermarli

TRUFFA AL COMPRO-ORO: POLIZIA IDENTIFICA COPPIA DI NAPOLETANI

Sono una 50enne ed un 59enne, sono stati rintracciati ad Angri


TREVISO - Lo scorso 5 giugno riuscirono a raggirare la titolare di un negozio di “compro-oro” in viale Cairoli a Treviso, rifilando alcuni gioielli “patacca” in cambio di un migliaio di euro. Poi tentarono inutilmente di truffare anche una seconda negoziante ma furono costretti a desistere e a scappare. La vittima della truffa nel primo negozio, una trevigiana di 30 anni, si rese infatti subito conto che i preziosi acquistati erano semplice bigiotteria e riuscì a mandare a monte il secondo colpo: inseguì i truffatori e tentò di bloccarli nel secondo negozio di “compro-oro”. Ne nacque una collutazione e un nuovo inseguimento in cui la negoziante-detective, oltre a segnare il numero di targa, era riuscita a memorizzare i volti della coppia di truffatori. Si tratta di una 50enne ed un 59enne, originari di Napoli: ad entrare nei negozi e a mettere a segno i raggiri era la donna mentre il complice la attendeva solitamente in auto. La squadra mobile di Treviso, in neppure due settimane di indagini, ha identificato e denunciato entrambi per rapina. Fondamentale la collaborazione del centro operativo autostradale di Napoli che ha rintracciato l'auto utilizzata per le truffe a Treviso ad Angri, al confine tra le province di Napoli e Salerno. Al volante c'era il 59enne, ancora in possesso di gioielli in finto oro, pronti per essere utilizzati per ulteriori truffe all'interno in altri negozi di “Compro-oro”. Secondo gli investigatori la coppia avrebbe potuto aver messo a segno altri colpi in provincia di Treviso. Per questo motivo sono state diffuse le foto di entrambi i truffatori. Le modalità con cui agivano erano del resto particolari e ripetute: la donna fingeva solitamente di essere malata d'asma e puntualmente chiedeva che la porta d'ingresso venisse lasciata aperta. Un trucco per poter fuggire rapidamente nel caso venisse scoperta dalla negoziante di turno.