Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due 17enni, difesi dall'avvocato Alessandro Canal, si sono visti annullare le sanzioni

MULTATI PER LE TARGHE INCLINATE DELLE MOTO: VINCONO IL RICORSO

Oltre 500 euro di multa a testa più le spese per il sequestro delle KTM




TREVISO
- (gp) Avevano promesso battaglia perchè quelle due multe da oltre 500 euro l'una, perchè la targa delle loro moto sarebbe stata troppo inclinata, secondo loro non erano giustificate. E a distanza di un anno dai fatti (era il 27 giugno 2013) hanno incassato la loro vittoria. Protagonisti della vicenda due 17enni trevigiani che hanno deciso di fare ricorso affidandosi all'avvocato Alessandro Canal. Comparsi di fronte al giudice di pace Valerio Chiozzi, i due si sono visti annullare tutti i provvedimenti emessi dai carabinieri di Treviso. Il motivo? Sono stati evidenziati dal legale due errori fondamentali che il giudice ha ritenuto effettivamente commessi. Innanzitutto è stato sbagliato l'inserimento nel ricorso dell'esercente patria potestà ed erano errati sia il metodo che la misurazione dell'illecito amministrativo contestato. Quel pomeriggio estivo i due ragazzi stavano girando per il centro storico con le loro Ktm 125. Fermati per un controllo, i militari sostenevano che le targhe delle moto erano state modificate in modo da essere inclinate di 45 gradi. Immediato scattò il sequestro della carta di circolazione per entrambi e il sequestro dei mezzi, oltre a 509 euro di multa a testa. Denaro al quale si aggiunse quello per il trasporto e il deposito dei mezzi sotto sequestro: 181 euro ciascuno. Per documentare l'inclinazione delle targhe, i militari scattarono delle foto col cellulare quando i mezzi si trovavano già sul carroattrezzi. Modalità contestata dall'avvocato Canal che ha presentato ricorso facendo annullare i provvedimenti.