Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Due 17enni, difesi dall'avvocato Alessandro Canal, si sono visti annullare le sanzioni

MULTATI PER LE TARGHE INCLINATE DELLE MOTO: VINCONO IL RICORSO

Oltre 500 euro di multa a testa più le spese per il sequestro delle KTM




TREVISO
- (gp) Avevano promesso battaglia perchè quelle due multe da oltre 500 euro l'una, perchè la targa delle loro moto sarebbe stata troppo inclinata, secondo loro non erano giustificate. E a distanza di un anno dai fatti (era il 27 giugno 2013) hanno incassato la loro vittoria. Protagonisti della vicenda due 17enni trevigiani che hanno deciso di fare ricorso affidandosi all'avvocato Alessandro Canal. Comparsi di fronte al giudice di pace Valerio Chiozzi, i due si sono visti annullare tutti i provvedimenti emessi dai carabinieri di Treviso. Il motivo? Sono stati evidenziati dal legale due errori fondamentali che il giudice ha ritenuto effettivamente commessi. Innanzitutto è stato sbagliato l'inserimento nel ricorso dell'esercente patria potestà ed erano errati sia il metodo che la misurazione dell'illecito amministrativo contestato. Quel pomeriggio estivo i due ragazzi stavano girando per il centro storico con le loro Ktm 125. Fermati per un controllo, i militari sostenevano che le targhe delle moto erano state modificate in modo da essere inclinate di 45 gradi. Immediato scattò il sequestro della carta di circolazione per entrambi e il sequestro dei mezzi, oltre a 509 euro di multa a testa. Denaro al quale si aggiunse quello per il trasporto e il deposito dei mezzi sotto sequestro: 181 euro ciascuno. Per documentare l'inclinazione delle targhe, i militari scattarono delle foto col cellulare quando i mezzi si trovavano già sul carroattrezzi. Modalità contestata dall'avvocato Canal che ha presentato ricorso facendo annullare i provvedimenti.