Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Raggiunto un accordo con la Procura, un 29enne ha scelto di aptteggiare la pena

GIOVANI AGGREDITI MENTRE FANNO JOGGING: SE LA CAVA CON UN ANNO

Vittime due 14enni che si stavano allenando lungo via Liberazione



TREVISO
– (gp) “Non ricordo nulla di quanto successo ma non ho fatto niente. Se quelle persone dicono che le ho picchiate stanno mentendo. Ero soltanto un po' brillo e non le ho mai viste, non le conosco”. Queste in sintesi le parole pronunciate di fronte al giudice dal 29enne trevigiano M.T., nato in Repubblica Ceca, finito in manette (e poi agli arresti domiciliari, ora revocati) per lesioni, resistenza e violenza a pubblico ufficiale. Processato per direttissima, dopo aver ottenuto un termine a difesa, difeso dall'avvocato Sossio Vitale ha raggiunto un accordo con gli inquirenti patteggiando un anno di reclusione e ottenendo la sospensione condizionale della pena. Secondo l'accusa il 29enne, il 12 maggio scorso, avrebbe strattonato e poi aggredito a suon di calci e pugni due giovani, un ragazzo e una ragazza entrambi di 14 anni, impegnati a fare jogging. Una volta in questura, avrebbe poi inveito contro i poliziotti. Circostanza anche questa che il ragazzo aveva negato, sostenendo di non aver fatto niente di male. L'aggressione gratuita era avvenuta in via della Liberazione a Treviso. La ragazza aveva riportato lesioni guaribili con 7 giorni di prognosi a causa di un pugno al volto. Ferito lievemente invece l'amico, medicato al pronto soccorso e dimesso con tre soli giorni di prognosi. Il 29enne, senza nessun precedente alle spalle, era stato bloccato poco dopo dagli agenti delle volanti. Sul posto i poliziotti avevano trovato anche la madre del ragazzo che aveva offerto la propria collaborazione.