Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quinto, ripercorre la storia economica, industriale ed artistica del dopoguerra

"CERAMICA PAGNOSSIN": MOSTRA RESTA APERTA FINO AL 22 GIUGNO

Più di mille i visitatori dell'esposizione di villa Memo Giordani Valeri


QUINTO - Ultimi giorni di apertura per la mostra Pagnossin che, grazie alla disponibilità di molti volontari, primo tra tutti Vittore Trabucco, rimane aperta fino al 22 giugno presso la villa Memo Giordani Valeri di Quinto di Treviso. L'assessore alla cultura del comune di Quinto di Treviso, Ivano Durigon e la dottoressa Giovanna Cosimi, curatrice della mostra “Una storia industriale trevigiana: Ceramica Pagnossin, dal dipinto a mano al design”, esprimono piena soddisfazione per la riuscita della mostra e per i quasi mille visitatori che l'hanno percorsa e commentata positivamente. E' un evento che ha un triplice valore: storico, artistico e sociale. Ricostruire un pezzo così glorioso della storia economica ed industriale e delle arti decorative del secondo dopoguerra, venendo in contatto con le testimonianze di maestranze ed operai è stata un'esperienza  ricca ed emozionante. La storia della Pagnossin è una storia che meritava di essere ricordata e ciò è stato possibile anche grazie alla disponibilità di molti ex dipendenti che hanno messo disposizione oltre che i loro oggetti, la loro esperienza e le loro testimonianze.