Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Quinto, ripercorre la storia economica, industriale ed artistica del dopoguerra

"CERAMICA PAGNOSSIN": MOSTRA RESTA APERTA FINO AL 22 GIUGNO

Più di mille i visitatori dell'esposizione di villa Memo Giordani Valeri


QUINTO - Ultimi giorni di apertura per la mostra Pagnossin che, grazie alla disponibilità di molti volontari, primo tra tutti Vittore Trabucco, rimane aperta fino al 22 giugno presso la villa Memo Giordani Valeri di Quinto di Treviso. L'assessore alla cultura del comune di Quinto di Treviso, Ivano Durigon e la dottoressa Giovanna Cosimi, curatrice della mostra “Una storia industriale trevigiana: Ceramica Pagnossin, dal dipinto a mano al design”, esprimono piena soddisfazione per la riuscita della mostra e per i quasi mille visitatori che l'hanno percorsa e commentata positivamente. E' un evento che ha un triplice valore: storico, artistico e sociale. Ricostruire un pezzo così glorioso della storia economica ed industriale e delle arti decorative del secondo dopoguerra, venendo in contatto con le testimonianze di maestranze ed operai è stata un'esperienza  ricca ed emozionante. La storia della Pagnossin è una storia che meritava di essere ricordata e ciò è stato possibile anche grazie alla disponibilità di molti ex dipendenti che hanno messo disposizione oltre che i loro oggetti, la loro esperienza e le loro testimonianze.