Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Primo processo per il patron del gruppo, per l'accusa il primo di una lunga serie

EVASIONE DA 14 MILIONI DI EURO: INIZIANO LE GRANE PER COMPIANO

Sotto accusa Iva e tasse non versate di Nes e della Vigilanza Compiano



TREVISO
– (gp) Iniziano i guai giudiziari per Luigi Compiano. In attesa che si chiudano le indagini sulla vicenda che vede indagati per appropriazione indebita aggravata il patron della North East Services e del Gruppo di famiglia, fondato dal padre Arnaldo, Massimo Schiavon, il suo braccio destro nonché responsabile della sala conta del caveau di via Belvedere a Silea, e Gianluca Campagnaro, colui che secondo gli inquirenti avrebbe materialmente consegnato il denaro a Massimo Schiavon che a sua volta lo consegnava nelle mani di Luigi Compiano, il patron del gruppo è già sotto processo per un'evasione fiscale che sfiora i 14 milioni di euro. Si tratta soltanto del primo procedimento penale per i reati tributari che nei prossimi mesi investiranno Compiano e lo porteranno più volte di fronte al giudice. Questo processo riguarda però le due realtà più importanti: ovvero la Vigilanza Compiano e la North east Services.


Secondo quanto ricostruito dagli inquirenti, a Luigi Compiano viene contestato di non aver versato l'Iva e i le imposte relative ai contributi dei propri dipendenti per un totale di poco inferiore ai 14 milioni di euro tra il 2011 e il 2013 (12,8 milioni di euro per quanto riguarda la Nes, quasi 1,2 milioni per la Vigilanza Compiano). E proprio l'inizio del processo segna anche il punto di partenza di una querelle tra la Procura di Treviso e il commissario straordinario Sante Casonato. Sul piatto infatti ci sono le circa 200 auto sequestrate per equivalente a Compiano, proprio per coprire il buco con l'erario. Il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, ha intenzione di chiederne la confisca per permettere allo Stato di incassare almeno parte delle imposte non versate mentre Sante Casonato ne chiede il dissequestro e la restituzione per poterle mettere all'asta e così ripianare il buco di 104 milioni di euro dell'inchiesta principale. Una decisione che spetta al giudice Michele Vitale e che verrà presa nel corso della prossima udienza, fissata a fine settembre.