Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Solo altri tre centri simili in Europa, intesa approvata dall'84% dei lavoratori

OSRAM: 75 ESUBERI, MA 7,5 MILIONI DI INVESTIMENTI IN DUE ANNI

Accordo con i sindacati: Treviso sito strategico per la ricerca


TREVISO - Siglato l'accordo alla Osram. L'intesa prevede 75 esuberi, su 582 dipendenti diretti (senza considerare gli interinali), ma soprattutto riconferma il ruolo strategico dello stabilimento trevigiano come centro di ricerca e sviluppo e creazione di nuovi prototipi: in virtù di queste caratteristiche, la multinazionale tedesca investirà nel sito della Marca 7 milioni e mezzo di euro nei prossimi due anni.
Dei lavoratori a rischio, 25 fanno parte del magazzino, destinato ad essere affidato ad una ditta esterna: tutti avranno la possibilità di passare, a parità di retribuzione, con la nuova società. Gli altri sono operai ed impiegati della produzione. Tutti gli esuberi saranno gestiti tramite un articolato piano di cassa integrazione e contratti di solidarietà e di una serie di incentivi (fino a 70mila euro), anche per chi voglia uscire spontaneamente o chi, attraverso la mobilità, possa essere accompagnato alla pensione.
Ma i sindacati mettono in rilievo soprattutto come il piano industriale riconfermi per lo stabilimento un ruolo strategico nell'ambito dell'intero gruppo: in via Castagnole si producono lampadine per automezzi, alimentatori per led e starter per neon, ma oltre un centinaio di persone sono impegnate nello sviluppo di nuovi prodotti poi realizzati in altre fabbriche. Di centri simili, in Europa ne esistono solo altri tre e tutti in Germania (a Monaco, Berlino ed Augsburg). Una decisione in controtendenza, spiegano i rappresentanti dei sindacati di categoria Andrea Guarducci (Filtcem Cgil), Stefano Zanon (Femca Cisl) e Rosario Martines (Uilcem Uil), rispetto all'orientamento di molti grandi gruppi di riportare in patria le principali funzioni di ricerca e innovazione e che premia la crescente qualificazione professionale e la flessibilità di orari e mansioni dei dipendenti trevigiani. Caratteristiche che assicurano un futuro alla sede di Castagnole anche nel processo di ristrutturazione interna messo in atto dal colosso dell'illuminotecnica (destinato a passare da 42 stabilimenti nel mondo del 2011 ai 34 di fine 2014). L'accordo ha già ottenuto il via libera da parte degli stessi lavoratori: nell'apposito referendum, tenutosi nei giorni scorsi, hanno votato 498 addetti, con l'84,56% di sì, contro l'11,85% di voti contrari.