Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Il nuovo coach del Benetton Rugby è stato ospite a Buongiorno Veneto Uno

OGGI IL RADUNO DEI LEONI CON IL DEBUTTO DI UMBERTO CASELLATO

"Saremo una squadra molto duttile, i tifosi vogliono già sapere tutto"


TREVISO - Stamattina si raduna il Benetton Rugby in vista della quinta stagione celtica: per la prima volta a guidarlo sarà Umberto Casellato, suo ex giocatore e già sulle panchine venete di Venezia, Rovigo e Mogliano. Rosa attualmente di 33 giocatori, ma si vuole arrivare a 42, quindi mancano ancora diversi elementi. Dove potrà arrivare una squadra profondamente rinnovata come quella dei Leoni? Risponde Casellato, ospite ieri a Buongiorno Veneto Uno: "Lavoreremo a testa bassa in un torneo impegnativo: le 10 gare a fine anno, con le 4 di Coppa, saranno terribili, lì vedremo che Benetton sarà. Ma l’esperienza di Parma, pur da assistente, sarà preziosa, mi ha fatto scoprire la Celtic. Parto con un buono spirito, spero quello di Mogliano, con lo staff c’è ottima sintonia. Voglio soprattutto che la squadra risolva le difficoltà da sola,. come faremmo noi allenatori: la panchina, se ha fatto un buon lavoro in settimana, durante la partita può anche starsene zitta.>
In quale modo avete ricostruito una squadra arrivata all'undicesimo posto?
"Vorremo essere autosufficienti nei test azzurri di novembre grazie ad una rosa più ampia dell’ultimo. Puntiamo su una squadra duttile, in grado di cambiare assetto e fisionomia a seconda delle condizioni meteo e dell’avversario che troverà. Ci saranno dei leader in campo ed i ragazzi si assumeranno precise responsabilità, primattori che dovranno scrivere il copione con noi: sarà una delle novità di quest‘anno. Certo, dispiace che qualcuno, che ha fatto la storia del Benetton fin dalle giovanili, se ne sia andato, persone eccezionali oltre che giocatori: nello sport fare delle scelte è naturale. Ma sto pensando anche a chi è restato, vedi Zanni e Pavanello ed i ritorni di Morisi, Favaro e Minto."
Quale accoglienza ha avuto per il suo ritorno a Treviso?
"La gente per strada mi ferma, chiede, vuole sapere, avverto tante aspettative: Mogliano faceva un rugby piacevole e tutti lo vorrebbero rivedere, vedremo di accontentarli, anche se gli avversari sono diversi. Rugby aperto, nella migliore tradizione trevigiana, movimento della palla di tutto il XV, ricerca degli spazi, varie opzioni a disposizione. Ai miei giocatori dico sempre: per far divertire i tifosi, i primi a divertirsi dobbiamo essere noi."