Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/211: PATRICK REED INDOSSA LA GIACCA VERDE

Lo statunitense vince l'82° Masters di Augusta


TREVISO - È l’edizione ottantadue del Masters, che data 1930; uno dei quattro maggiori campionati del Golf. Si tiene all'Augusta National, in Georgia, il Paradiso del Golf. Un Campo molto particolare, bello e difficile, massimamente rappresentato da” Amen Corner”, il tratto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/210: A CA' DELLA NAVE BUON COMPLEANNO MAL

Gara (e festa) con protagonista il cantante dei Primitives


MARTELLAGO - A festeggiare la sua data di nascita avvenuta da qualche giorno, Mal (al secolo Paul Bradley Couling), il 28 marzo ha sponsorizzato una gara di Golf a Cà della Nave. Voleva festeggiare il suo compleanno in un Campo da Golf. La scelta del 28, a Cà della Nave, è...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/209: AL VIA IL CHALLENGE 2018 DELL'AIGG

A Roma debutta la stagione dei giornalisti golfisti


ROMA - Il debutto del challenge AIGG ha ormai una sede consolidata: la prima gara dell’anno si gioca al Marco Simone Golf and Country Club, a Guidonia, nell’ospitalità raffinata di Lavinia Biagiotti Cigna. Lavinia è la deliziosa figlia di Laura Biagiotti, la grande donna...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Si è chiuso a favore di una 37enne il processo per maltrattamenti in famiglia

TENTÒ DI STRANGOLARE SUO FIGLIO: PROVE ASSENTI, MAMMA ASSOLTA

A trascinare la donna in aula l'ex compagno nonchè padre del piccolo


VILLORBA – (gp) Non ci sono le prove per stabilire se i fatti contestati si siano effettivamente verificati e con che grado di gravità. Motivo per cui il giudice Leonardo Bianco ha assolto una mamma di 37 anni, difesa dall'avvocato Francesco Burighel, finita a processo per rispondere dell'accusa di maltrattamenti in famiglia. Secondo l'accusa i due episodi di violenza che venivano contestati alla donna sarebbero stati legati alla depressione post partum: per il pm Valeria Sanzari, che al termine dell'istruttoria dibattimentale non ha formulato una richiesta di condanna ipotizzando l'assoluzione dell'imputata, la donna avrebbe sfogato le proprie frustrazioni sul figlioletto di appena due mesi. A trascinarla in tribunale era stato l'allora compagno e padre del piccolo: accortosi dei presunti comportamenti violenti della madre, corse dai carabinieri a denunciare il fatto e decise di portare via il bambino. Proprio la testimonianza dell'uomo risultava chiave nel processo, ma in aula non si era presentato, tanto che per lui era stato anche disposto l'accompagnamento coattivo. Testimonianza che però non ha dissipato i dubbi legati alla vicenda. I fatti contestati risalgono al 2011. A maggio il primo episodio quando la donna avrebbe stretto per il collo il neonato fino a farlo sanguinare dal naso. Il secondo invece risale a un paio di mesi più tardi, a luglio. In quel caso la 37enne, non riuscendo a far smettere di piangere il piccolo, lo avrebbe scaraventato a terra.