Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Panathlon di Treviso ha riunito tre campioni al Relais Monaco di Ponzano

DEI ROSSI, MARANGONI E BEBE VIO BRILLANO A STELLE SOTTO LE STELLE

Tutti hanno parlato di come sono riusciti ad eccellere nello sport


TREVISO - Un tris di stelle nella splendida cornice del Relais Monaco a Ponzano. Stelle sotto le stelle, quarta edizione, organizzato dal Panathlon di Treviso del presidente Andrea Vidotti, ha riunito tre campioni di prima grandezza: Riccardo Dei Rossi, 45 anni, triestino, argento nel quattro senza a Sidney 2000, due ori e due bronzi ai Mondiali, oggi diesse del glorioso Circolo Ospedalieri alla Restera, quello di Baran, Sambo e Cipolla; l’opitergina Silvia Marangoni, 28 anni, 10 mondiali vinti nel pattinaggio artistico; la moglianese Beatrice "Bebe" Vio, 17 anni, tetraplegica da quando ne aveva 11, tedofora alle Paralimpiadi di Londra, oro e due argenti ai Mondiali di fioretto, due ori agli Europei. Ognuno ha raccontato di come sia riuscito a prevalere nella propria disciplina, dei sacrifici che ha fatto in cabio di un titolo o di una medaglia, della volontà e della passione dalle quali sono animati. Dei Rossi: "Il canottaggio è sport di fatica, serve spirito di gruppo, ho disputato 4 Olimpiadi e mi ha battuto Steve Redgrave, unico al mondo a vincere 5 Olimpiadi, ma sono contento lo stesso." Marangoni: "Soldi se ne vedono pochi, conta la passione, che non ti fa sentire la fatica: andrò avanti finchè ce la farò e sono felice quando vedo i tanti ragazzini che pattinano.". Vio (per lei è nata Art 4 Sport, associazione creata da papà Ruggero e mamma Teresa per i ragazzi disabili). "Siamo in 14, 3 nella scherma: si creano sempre nuove protesi adatte a tutti. Soprattutto due personaggi mi sono stati vicini, Alex Zanardi e Oscar Pistorius. Ma anche Francesca Porcellato."

Nella foto: Dei Rossi, Bebe Vio e Vidotti.