Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Interrogato l'ex questore di Treviso dagli uomini della Guardia di Finanza

DAMIANO: "CON LA NES RAPPORTI REGOLARI, E SONO UN CREDITORE"

In una nota l'ex capo della polizia racconta la propria versione dei fatti


TREVISO – (gp) Bocche cucite. Anzi cucitissime da parte dell'ex questore di Treviso Carmine Damiano e del suo legale, l'avvocato Giovanni Chiello, al termine dell'interrogatorio che si è svolto negli uffici della guardia di Finanza all'Appiani. L'ex capo della Polizia, indagato per corruzione come Luigi Compiano, è giunto puntuale all'appuntamento, fissato per le 16. Dopo un'ora, a fianco dell'avvocato Chiello, è uscito dalla sede delle fiamme gialle e si è infilato in auto, senza proferire parola. Di fronte agli inquirenti Damiano ha presentato una memoria difensiva in cui ribatte punto su punto le accuse che il pm Massimo De Bortoli, titolare delle indagini, ha mosso contro di lui. “E' stato un incontro sereno e ho manifestato la mia totale disponibilità a chiarire qualsiasi circostanza – ha fatto sapere in seguito Carmine Damiano - Intanto ho consegnato una dettagliata nota difensiva con allegata documentazione, nella quale ho indicato fatti, circostanze e persone che possono confermare la mia assoluta estraneità a comportamenti censurabili. Il rapporto con la NES, nato alla luce del sole, è di assoluta regolarità e trasparenza. Ho aderito a una richiesta di collaborazione e il relativo contratto fu predisposto  da due consulenti, tra i quali un professionista massimo esperto in materia – continua Damiano - Giammai ho chiesto o utilizzato un'autovettura della NES, nei cui confronti sono creditore per le prestazioni rese e per tale fatto ho chiesto al tribunale il riconoscimento del dovuto. Quanto ai controlli svolti dal mio ufficio, sempre con equilibrio, rigore, obiettività e professionalità già nell'ottobre del 2011, sia nei confronti della NES che di tutti gli istituti di vigilanza, erano finalizzati al solo rispetto della legge e alla salvaguardia dei lavoratori del settore. Attendo con fiducia – conclude l'ex questore - che la vicenda possa chiarirsi definitivamente”.


Stando a quanto sostiene la Procura di Treviso, Carmine Damiano nel novembre 2012 (ovvero un mese prima di andare in pensione), avrebbe sottoscritto con Nes un contratto di consulenza che prevedeva oltre a compensi in denaro l'affitto di un appartamento in centro storico e l'utilizzo di un'Audi A8. Un totale di 50 mila euro tra retribuzione e benefit. Secondo la tesi accusatoria, poco prima di essere “ingaggiato”, Damiano avrebbe firmato di proprio pugno un documento col quale dichiarava la completa regolarità dell'attività svolta dalla Nes che lo stesso Damiano aveva più volte attaccato in merito alle irregolarità del trasporto valori.