Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il Tribunale del Riesame ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare in carcere

TANGENTI MOSE: GIOVANNI ARTICO TORNA A ESSERE UN UOMO LIBERO

L'ex sindaco di Cessalto: "Non sono nč un corrotto nč un corruttore"



CESSALTO
– (gp) L'ex sindaco di Cessalto Giovanni Artico è tornato un uomo libero. Il tribunale del riesame ha infatti annullato l'ordinanza di custodia cautelare che lo aveva portato in carcere nell'ambito dell'inchiesta della Procura di Venezia sulle tangenti del Mose. “Non sono né un corrotto né un corruttore” ha sottolineato l'ex primo cittadino che fino a 23 giorni fa (quando venne rinchiuso nel carcere di Ravenna) era funzionario della Regione Veneto e stretto collaboratore di Renato Chisso. Difeso dall'avvocato Rizzardo Del Giudice, Artico è accusato di aver ottenuto che la figlia venisse assunta dal gruppo Nordest Media, controllato dalla Mantovani, in cambio del via libera a un progetto da 6 milioni di euro affidato all'azienda di Piergiorgio Baita. Assunzione che sarebbe stata caldeggiata direttamente da Renato Chisso. I giudici del Riesame, nell'annullare l'ordinanza di custodia cautelare, hanno dato credito alla testimonianza fiume (oltre tre ore) resa dal diretto interessato nel corso dell'interrogatorio che ha permesso, affiancata a una memoria difensiva allegata al ricorso, di sgonfiare le contestazioni della Procura di Venezia. “Ho patito moltissimo – ha dichiarato Artico – E' stata un'esperienza che mi ha provato. Sapere di essere innocente e sapere che fuori la mia famiglia mi stava aspettando mi ha dato la forza per superare questo momento”.

 

L'AVVOCATO RIZZARDO DEL GIUDICE:  "SMONTATE LE ACCUSE"

“Era stupefacente l'enorme differenza tra le varie posizioni degli indagati. Quella di Giovanni Artico (nella foto a lato) era sideralmente lontana da quelle più gravi. Ma soprattutto le accuse a carico del mio assistito risultavano e risultano generiche oltre che infondate”. Parole dell'avvocato Rizzardo Del Giudice, difensore dell'ex sindaco di Cessalto. Il legale ha sottolineato come Artico abbia “smontato le accuse. Si è interessato del futuro della figlia – aggiunge – che aveva già altre richieste di lavoro. Nelle 12 pagine degli atti che riguardano l'ex sindaco non c'era nulla che potesse motivare una custodia cautelare in carcere. Artico non solo non ha mai preso un euro, ma nemmeno un caffè”. E in merito alla decisione presa dai giudici del tribunale del riesame, l'avvocato commenta: “Il provvedimento che ha annullato l'ordinanza di custodia cautelare è una misura forte che lascia quindi intendere che l'intera vicenda giudiziaria andrà vista sotto una nuova luce”.