Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderà il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il 30enne dovrà versare alla famiglia della vittima un risarcimento di 630 mila euro

MORTE DI DAMIANO PONTIN: VENTI MESI DI CONDANNA PER ASTERO

Atti al pm per indagare il pusher che fornì la dose letale di eroina



ISTRANA
– (gp) Damiano Pontin poteva essere salvato. Anzi doveva essere salvato, visto l'esito del procedimento penale che vedeva sul banco degli imputati Daniele Astero. Il giudice Leonardo Bianco, dopo quasi due ore di camera di consiglio, ha condannato il 26enne a un anno e otto mesi di reclusione per omissione di soccorso. Difeso dall'avvocato Stefania Bertoldi, Astero ha ottenuto la sospensione condizionale della pena e la non menzione, ma dovrà versare ai genitori e alla sorella della vittima un risarcimento danni quantificato in 630 mila euro (270 mila alla madre e al padre di Damiano e 90 mila alla sorella, costituitisi parte civile con l'avvocato Luisa Osellame). Il pm Valeria Sanzari, titolare del fascicolo, aveva chiesto una pena finale di quattro anni di reclusione. La sentenza di primo grado, che con ogni probabilità verrà appellata dall'avvocato Bertoldi (nella foto a lato), ipotizza però che Astero non sia l'unico responsabile del decesso del 31enne di Sala d'Istrana: il giudice, accogliendo la richiesta della difesa di Astero, ha inviato gli atti al pm per indagare per morte come conseguenza di altro reato il 46enne di Villorba Moreno Cappelletto, colui che aveva ceduto la dose di eroina ai due amici quella sera del 22 marzo 2010 e aveva patteggiato per spaccio una pena di due mesi di carcere in continuazione con una precedente sentenza. Dopo più di quattro anni dai fatti si è dunque chiuso il primo capitolo giudiziario per la scomparsa di Damiano Pontin. Un processo caratterizzato da una guerra di perizie che aveva avuto il suo culmine nel febbraio scorso quando venne depositata e discussa la superperizia disposta dal Tribunale ed eseguita dal medico legale Carlo Moreschi. Il professore aveva spostato avanti nel tempo la fase preagonica di Damiano. Il primo pensiero era che dunque Daniele Astero avrebbe lasciato la vittima quando ancora non mostrava i sintomi dell'edema polmonare che lo ha ucciso. Questa almeno era l'interpretazione data dall'avvocato Stefania Bertoldi, difensore dell'imputato. In realtà le considerazioni del professor Moreschi affermavano anche l'esatto contrario: proprio perché la fase preagonica era stata spostata in avanti, Damiano Pontin poteva essere salvato se solo fosse stato soccorso per tempo. O meglio, le chance di salvargli la vita, secondo l'accusa, sarebbero di certo state maggiori se Daniele Astero lo avesse accompagnato a casa e non lasciato in auto quella sera del 23 marzo 2010. “Quello che è emerso dalla relazione peritale del professor Moreschi è che Damiano poteva essere facilmente salvato – aveva affermato l'avvocato Osellame - Questo perché è stato abbandonato privo di sensi in uno stato di intossicazione che non era ancora irreversibile, e la somministrazione di un normale farmaco da banco poteva salvargli la vita”.