Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO Floriano Zambon: "Una bomba d'acqua, chiederemo lo stato di calamità"

NUBIFRAGIO A CONEGLIANO: NOTTE DI PAURA, RAFFICA DI ALLAGAMENTI

Garage e scantinati invasi dall'acqua, sottopassi in tilt, auto bloccate


CONEGLIANO - Una vera e propria “bomba d'acqua” quella che si è abbattuta la scorsa notte su Conegliano. Un furioso temporale, trasformatosi poi in nubifragio, ha mandato completamente in tilt la città del Cima. L'allarme già poco dopo le 23. Quella trascorsa è stata una notte di superlavoro per i vigili del fuoco: numerose le squadre che sono state impiegate per fare fronte ai numerosi allagamenti: interessati praticamente tutti i sottopassi della città con alcune auto che sono rimaste addirittura bloccate all'interno. L'acqua ha invaso negozi, abitazioni, scantinati ed altre attività commerciali in viale Italia, in via Spellanzon, in via Monte Pelmo, in via Pogbora, in via Giunti e via Vidal. Fino alla tarda mattinata di oggi due squadre dei vigili del fuoco sono state impegnate in via Spellanzon, al civico 46 per il prosciugamento dei garage di una palazzina. La situazione più critica è però senza dubbio in piazzale Duca d'Aosta con il selciato che si è trasformato in un vero e proprio lago. Sono state decine le chiamate al 115 per richiesta di soccorso in seguito all'abbondante precipitazione, molte anche dovute al panico, vista la tanta acqua caduta. Oltre ai fossati, stracolmi d'acqua, è esondato anche il fiume Ruio. Il sindaco di Conegliano, Floriano Zambon, ha già richiesto alla Regione lo stato di calamità naturale. I danni? Per ora impossibile calcolarli: ammonterebbero certamente a centinaia di migliaia di euro. Il Comune, grazie alla collaborazione di Savno, nel frattempo però ha già attivato per i prossimi 10 giorni un servizio di pronta raccolta a chiamata dei materiali che l'acqua ha reso inutilizzabili. "Al fine di evitare di lasciare all'esterno delle abitazioni i rifiuti. - aggiunge il sindaco Zambon - Abbiamo istituito ed è attivo già da oggi un servizio a chiamata effettuato grazie alla collaborazione di Savno. In questo modo interveniamo sia per il decoro sia per venire incontro al disagio delle famiglie". I numeri da contattare per attivare il servizio di raccolta a domicilio sono: 0438 413.236 / 434 / 235 .
Queste le sua parole ai microfoni di radio VenetoUno. (ASCOLTA AUDIO).