Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, boato in via Cal di Mezzo a Caonada, l'uomo fu arrestato nel 2012

ESPLODE UN ORDIGNO BELLICO NEL MAGAZZINO: 44ENNE GRAVISSIMO

Stefano Cecchetto, grande appassionato di armi, lo stava maneggiando


MONTEBELLUNA - (nc) Stava maneggiando un proiettile, residuato bellico della prima guerra mondiale, che teneva all'interno di un piccolo magazzino per gli attrezzi, poco distante dalla sua abitazione. Tanto è bastato per provocare l'esplosione dell'ordigno che lo ha ferito gravemente. L'episodio è avvenuto nel pomeriggio di oggi, poco prima delle 16.30, a Caonada di Montebelluna, in via Cal di Mezzo, presso un'abitazione al civico 26. Sfortunato protagonista di questa disavventura un 44enne, Stefano Cecchetto (nella foto), che è stato soccorso dai medici del Suem118, intervenuti con l'elisoccorso, e trasportato all'ospedale Ca' Foncello. L'uomo, di professione salumiere, si sarebbe procurato gravi lesioni soprattutto al collo e alla mano sinistra, dilaniata nella deflagrazione: le sue condizioni, stando ai primi accertamenti, sarebbero gravissime. Il 44enne, privo di sensi, è stato intubato e portato d'urgenza presso il nosocomio trevigiano per essere sottoposto ad una delicatissima operazione chirurgica. Sul posto, per gli accertamenti del caso, sono intervenuti i carabinieri di Montebelluna che indagano sulla vicenda ed hanno posto sotto sequestro l'ordigno ed altro materiale detenuto dal 44enne.
Grande appassionato di armi: il precedente del 2012
Stefano Cecchetto (nella foto), grande appassionato di armi, era stato arrestato dai carabinieri di Montebelluna nel luglio del 2012 sempre in seguito ad un suo ferimento, dovuto all'esplosione di un proiettile di fucile della Grande Guerra che stava armeggiando (aveva dato alcuni colpi di martello ad un proiettile cal. 7.35 di un Moschetto 1981). All'epoca furono lievi le lesioni riportate dal 44enne (alla mano, all'avambraccio e al torace) che dopo alcuni giorni di ricovero in ospedale a Montebelluna potè fare ritorno a casa, a regime di arresti domiciliari; i militari giunti sul posto sequestrarono e consegnarono al Genio civile un ampio quantitativo di materiale bellico ed in particolare un ordigno da mortaio e tre spolette esplosive per obice. Per quell'episodio il 44enne venne condannato a nove mesi di reclusione. Nicola Cendron