Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Montebelluna, i carabinieri hanno rinvenuto, dissotterrate, granate e altre bombe

CECCHETTO È FUORI PERICOLO, UN ARSENALE NEL GIARDINO DI CASA

Il 44enne sabato era stato ferito dall'esplosione di un ordigno bellico


MONTEBELLUNA - Stefano Cecchetto, il 44enne di Caonada che sabato scorso era rimasto gravemente ferito nell'esplosione di un ordigno della prima guerra mondiale su cui stava armeggiando, è stato dichiarato fuori pericolo dai medici del Ca' Foncello. L'uomo, già sottoposto ad un'operazione chirurgica, si era procurato lesioni gravi al collo e alla mano sinistra.
I carabinieri di Montebelluna, ispezionando l'abitazione dell'uomo con l'ausilio degli artificieri del 3° Reggimento Genio Guastatori di Udine, hanno rinvenuto altri ordigni simili a quello che accidentalmente il 44enne ha fatto esplodere. Si tratta di armi e munizioni da guerra, tutti risalenti al primo conflitto mondiale, che erano nascoste in un anfratto nel giardino di casa dell'uomo, in via Cal di Mezzo a Caonada. La bonifica dell'abitazione del giardino è proseguita per tutta la giornata di oggi. Sono state portate via dagli artificieri: una granata modello lungo, quattro granate modello corto, tutte da 149 mm, una granata da 120 mm, una cartuccia modello "Very" ed una bomba a mano modello M16. L'episodio che ha provocato il ferimento di Cecchetto è avvenuto alle 16.30: l'uomo, stando a quanto sono riusciti a ricostruire i carabinieri, stava tentando di aprire l'ordigno utilizzando un flessibile. Il 44enne, grande appassionato di armi, era già stato arrestato dai carabinieri di Montebelluna nel luglio del 2012 sempre in seguito ad un suo ferimento, dovuto all'esplosione di un proiettile di fucile della Grande Guerra che stava armeggiando (aveva dato alcuni colpi di martello ad un proiettile cal. 7.35 di un Moschetto 1981). All'epoca furono lievi le lesioni riportate dal 44enne (alla mano, all'avambraccio e al torace) che dopo alcuni giorni di ricovero in ospedale a Montebelluna potè fare ritorno a casa, a regime di arresti domiciliari; i militari giunti sul posto sequestrarono e consegnarono al Genio civile un ampio quantitativo di materiale bellico ed in particolare un ordigno da mortaio e tre spolette esplosive per obice. Per quell'episodio il 44enne venne condannato a nove mesi di reclusione.