Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

A dicembre missione di Unindustria in Nigeria, l'ambascitore oggi ospite a Treviso

L'AFRICA NERA NUOVA FRONTIERA PER LE IMPRESE TREVIGIANE

Cresce l' expot di vino e mobili, prospettive per edilizia e macchinari



TREVISO - (mz) La nuova frontiera delle imprese della Marca è l'Africa, in particolare quella subsahariana. Nel “continente nero”, grazie ad una maggiore stabilità politica e sulla scia delle enormi risorse di petrolio e minerali possedute, negli ultimi anni si sta assistendo ad una crescita. “Nonostante permangano ampie sacche di povertà estrema e problemi sociali, si va diffondendo una classe medio, con un reddito tale da permettere spese discrezionali, cioè quelle oltre i bisogni primari”, spiega Mario Vizzotto, responsabile dell'area internazionalizzazione di Unindustria. Le imprese trevigiane sono pronte ad approfittarne: sono in crescita soprattutto le esportazioni di vino, come sempre trainate dal prosecco, e di arredamento, per singoli privati, ma anche per il settore turistico- alberghiero e per i grandi progetti di edilizia residenziale popolare avviati da alcuni governi. I mercati africani offrono interessanti opportunità anche per le vendite nel campo dei macchinari, in special modo per l'agricoltura, per l'energia e l'ambiente. In aumento anche l'interessamento di aziende dell'edilizia: gli appalti per la realizzazioni di grandi opere pubbliche, in questi ultimi anni, sono andate soprattutto a società cinesi, ma, spiegano da Unindustria, negli ultimi tempi le autorità locali sembrano preferire le migliori garanzie di qualità offerte dalle imprese europee. “In molti di questi paesi, lo sviluppo per il momento è ancora limitato, ma i tassi di crescita sono progressivi, anche grazie ai notevoli investimenti”, ribadisce Vizzotto.
Unindustria, in collaborazione con le associazioni industriali di Padova e Vicenza, da tre anni ha lanciato un “progetto Africa”, che finora ha coinvolto una cinquantina di aziende. A dicembre è prevista una missione in Nigeria, mentre per il 2015 gli obiettivi sono Etiopia o Kenya. Negli scorsi anni delegazioni della Marca hanno già visitato Ghana, Mozambico, Angola e Sudafrica.
Oggi a Treviso, ospite di Unindustria, è arrivato l'ambasciatore della Nigeria in Italia, Eric Tonye Aworabhi. Il diplomatico ha garantito sul livello di sicurezza nel paese, sottolineando come gli scontri religiosi riguardino solo alcune aree del Nord, mentre nel sud cristiano la situazione sia tranquilla. L'ambasciatore ha anche ribadito come il suo governo guardi con favore agli investimenti stranieri, in particolare nelle tecnologie, e come la legislazione tuteli gli investitori. “La Nigeria è ormai la principale economia del continente – nota Vizzotto -, il suo Pil haa superato anche quello del Sudafrica”. Proprio nello stato nigeriano verrà organizzata a dicembre una missione imprenditoriale, mentre per il 2015 gli obiettivi sono Etiopia o Kenya. Negli scorsi anni delegazioni della Marca hanno già visitato Ghana, Mozambico, Angola e Sudafrica.