Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Una mostra sul tipografo veneziano del '500 che rivoluzionò il concetto di libro

IL MUSEO DELLA TIPOGRAFIA CRESCE E CELEBRA L'INNOVATORE ALDO MANUZIO

Tra le novità di Tipoteca Italiana nuovi eventi espositivi e un auditorium


CORNUDA - Inedite collezioni d'epoca e mostre temporanee di respiro internazionale su tutto ciò che ruota attorno al mestiere del tipografo. Sono le principali novità annunciate per ottobre dalla Fondazione Tipoteca Italiana, il più grande centro italiano di cultura tipografica, di storia della stampa e del design del carattere.
Una realtà nata nel 1995 a Cornuda dalla passione e dalla volontà dei fratelli Antiga, titolari delle omonime Grafiche, che in trentanni hanno raccolto da tutta Italia una ricca collezione degli strumenti per la produzione di stampe: caratteri, matrici, punzoni, campionari, torchi, macchine tipografiche restaurate, e letteratura d'epoca relativa al mondo della tipografia.
Nasce così l'idea di dar vita ad un museo, per conservare e promuovere l'eredità storica degli strumenti e dei protagonisti della tipografia italiana. Il museo, inaugurato nel 2002, è ospitato nell'ex Canapificio Veneto Antonini-Ceresa di Cornuda, rilevante testimonianza di archeologia industriale, e occupa l'ex chiesa-oratorio di Santa Teresa del 1884, la foresteria del 1901 e un deposito edificato nel 1908.
L'ampliamento dello spazio espositivo, all'interno del museo, si propone di ospitare collezioni esclusive e mostre temporanee. Significative sono le raccolte provenienti da aziende storiche. Parte integrante del museo è la biblioteca specializzata che, ad oggi, conta più di 5mila titoli, un archivio di riviste storiche a cavallo tra Otto e Novecento e diverse raccolte: vi è il fondo Giambattista Bodoni, di cui si conservano punzoni, matrici, caratteri e documenti, il fondo Aldo Novarese, noto disegnatore italiano di caratteri, il fondo della storica Fonderia Tipografica Cooperativa di Milano, il fondo Luigi Melchiori dell'omonima fabbrica di caratteri in legno, e il fondo la Musica Moderna, una delle poche aziende italiane specializzate in edizioni musicali del '900, con oltre 50mila spartiti donati da Salvatore Siragusa.

Ad inaugurare l'ampliamento della sede espositiva di Tipoteca Italiana e il nuovo auditorium da 150 posti con annessa area ristorazione, sarà un evento espositivo d'eccezione. Il primo progetto di Tipoteca Italiana sarà dedicato alla figura di Aldo Manuzio, il più importante tipografo veneziano vissuto cinque secoli fa. “Una storia di carattere. Aldo Manuzio 1515-2015” è il titolo dell'iniziativa prevista per ottobre che intende celebrare, a 500 anni dalla scomparsa, il tipografo umanista le cui idee hanno rivoluzionato il concetto di libro moderno.

Ma Tipoteca Italiana non è solo museo, è anche una stamperia attiva e una testimonianza della proficua relazione tra cultura e impresa. Durante l'anno, le attività di workshop ospitano illustri designer provenienti da tutto il mondo, per uno scambio continuo e attuale tra la più originale tradizione tipografica italiana e il mondo della grafica contemporanea. Ma tra gli ospiti ci sono anche studenti delle scuole del Triveneto che possono visitare un museo “produttivo”, capace di legare storia e innovazione del settore della stampa.

Ai microfoni di Alessandra Ghizzo sono intervenuti, in ordine, il presidente della Fondazione Tipoteca Italiana, Silvio Antiga, Mirko Sernagiotto, che con Elisa Carrer dirige la programmazione delle iniziative culturali, e Michela Antiga di Grafiche Antiga e Tipoteca Italiana.