Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/246: DAL 2019 IN VIGORE LE NUOVE REGOLE DI GIOCO

Le norme ridotte a 24: ecco le principali novità


TREVISO - Erano trentaquattro le Regole del Golf; erano tante, e soprattutto abbastanza complicate da ricordare, per il neofita che le doveva capire, memorizzare, e poi correttamente applicare.Dal 1° gennaio 2019 sarà in uso una versione rivisitata, principalmente finalizzata ad una...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, indagine della polstrada avviata grazie alla segnalazione della Motorizzazione

VESPE E LAMBRETTE D'EPOCA CON CERTIFICATI "TRUCCATI"

Nei guai un meccanico di Mussolente e un complice, 33 clienti raggirati


TREVISO - (NC) Oltre al restauro di vespe o lambrette d'epoca, ad un costo che andava dai 3 ai 5mila euro, offriva ai clienti la possibilità di sbrigare, molto velocemente, tutte le pratiche burocratiche, al prezzo di 500 euro. Per velocizzare l'iter, solitamente della durata di alcuni mesi, creava dei falsi "certificati di rilevanza storica e collezionistica" con un timbro a secco della federazione motociclistica italiana (nella foto a sinistra). Un documento fondamentale per reimmatricolare i mezzi. A finire nei guai un meccanico 54enne di Mussolente ed un complice, un 50enne romagnolo, il suo presunto contatto con la federazione nazionale che però di lui non ha mai neppure sentito parlare: entrambi sono stati denunciati dalla polizia stradale di Treviso per falso ideologico. Da oltre un anno gli investigatori della polstrada, coordinati dal pm Valeria Sanzari, avevano messo nel mirino il meccanico "furbetto": l'indagine era infatti partita da una segnalazione della Motorizzazione civile di Treviso. E' qui che il 54enne vicentino si recava, con i falsi certificati, per la reimmatricolazione dei mezzi d'epoca. Sono 33 i proprietari di vespe o lambrette ad essere stati raggirati dall'uomo, quasi tutti trevigiani: ora, ritirate targhe e documenti, dovranno attendere il normale iter di rilascio del certificato, solitamente della durata di alcuni mesi. Nel frattempo, ovviamente, i mezzo dovranno rimanere fermi nei garage. Erano in molti, rivelano gli investigatori, a rivolgersi a lui per questo tipo di pratiche: incontrava i potenziali clienti nel corso di raduni o mercatini. 
Nella foto il comandante della polizia stradale di Treviso, Alessandro De Ruosi (guarda l'intervista) e Francesco Esofago, rappresentante della federazione motociclistica italiana.