Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/200: DUSTIN JOHNSON CAMPIONISSIMO ALLE HAWAII

Il numero uno del ranking trionfa nel Sentry Toornament


TREVISO - Siamo ormai all’undicesimo torneo del PGA americano 2018, il Sentry Tournament of Champions, che si è giocato negli Stati Uniti al Plantation Course di Kapalua, da 4 al 7 gennaio. È l’undicesimo, giacché la prima gara della stagione, il Safeway Open,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/199: NEL 2018 L'OPEN D'ITALIA SUL LAGO DI GARDA

Novità di fine anno dal universo dei green italiani


TREVISO - Notizie che ci sono pervenute negli ultimi giorni e che val la pena di commentare. Cominciamo con l’Open d’Italia. Il 75° open d’Italia, la massima manifestazione nazionale di golf, non si giocherà nel 2018 al Golf Milano, bensì al Gardagolf country...continua

Golf
PILLOLE DI GOLFF/198: SI CONCLUDE IL CIRCUITO EUROPEO FEMMINILE

La protesta delle giocatrici: "Discriminate rispetto ai maschi"


Oggi parliamo di donne, di queste abili signore che si impegnano oltre misura alla ricerca del successo in Campo. A dire il vero, sono arrabbiate le golfiste europee, per la discriminazione che subiscono nel confronto con i maschi. Non conosco i motivi che generano questa scarsa considerazione, non...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Risarcimento di 500 euro all'ex vicepresidente dell'Ente Parco Sile

INTRALCIA IL PASSAGGIO DELL'AUTO DI ERICH ZANATA: CONDANNATO

A processo per esercizio arbitrario delle proprie ragioni Marco Piranese


TREVISO – (gp) Da una parte c'era l'imputato, Marco Piranese, sotto accusa per esercizio arbitrario delle proprie ragioni, dall'altra la vittima, l'ex vicepresidente dell'Ente Parco Sile Erich Zanata che si era costituito parte civile chiedendo un risarcimento danni di 5 mila euro. Al termine del procedimento penale il giudice Leonardo Bianco, nonostante le richieste di assoluzione della difesa (al massimo per la vecchia “insufficienza di prove”), ha invece giudicato colpevole l'imputato condannandolo però al minimo della pena: 15 giorni di reclusione, pena sospesa e non menzione, limitando al minimo anche il risarcimento danni quantificato in 500 euro. Nella prima udienza del procedimento penale sul banco dei testimoni si era seduta proprio la parte offesa che aveva raccontato la propria versione dei fatti. Secondo quando sostenuto da Erich Zanata, Marco Piranese avrebbe bloccato l'auto dell'ex vicepresidente delle Ente Parco Sile mentre questi si stava recando a una riunione nella sede della “Pastoria Borgo Furo” di Canizzano. Per accedervi è tuttora necessario transitare per una servitù di passaggio di proprietà di diverse persone tra cui per l'appunto Piranese il quale, esasperato dai continui flussi di auto su quell'appezzamento, si sarebbe messo di traverso proprio mentre Zanata stava passando. Uno screzio tra i due che avrebbe impedito a Zanata di passare e che è finito per arrivare in un'aula di tribunale. Zanata infatti ha sporto querela contro l'uomo per l'accaduto e per la Procura si sarebbe configurato il reato di esercizio arbitrario delle proprie ragioni.