Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/182: ANCORA DOMINIO USA ALLA SOLHEIM CUP 2017

In Iowa la più importante gara del tour femminile


TREVISO - Solheim Cup 2017: siamo al corrispondente femminile della Ryder Cup, la gara più importante per “l’altra metà del cielo”, che contrappone le più forti atlete europee a quelle americane. Si gioca ogni due anni, alternativamente in Europa e negli Stati...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Per l'accusa il 54enne avrebbe barato nel presentare il conto delle ore lavorative

ORE LAVORATIVE REGOLARI: ASSOLTO UN TECNICO CIVILE DEL 51° STORMO

Sarebbero 315 per un danno da 3 mila euro, la difesa: "Tutto falso"


TREVISO - (gp) Era finito a processo per rispondere del reato di truffa aggravata ai danni dello Stato. Dopo aver professato la propria innocenza fin dall'inizio delle indagini, un tecnico civile che aveva il compito di effettuare le dovute manutenzioni sugli aerei del 51° Stormo di Istrana prestando servizio presso l'aeroporto militare di San Giuseppe è stato assolto con formula piena perchè il fatto non sussiste. Questo quanto stabilito dal giudice che ha accolto le tesi difensive dell'avvocato Chiara Tartari la quale ha dimostrato in aula come il lavoro del pm Francesca Torri (titolare del fascicolo che al termine dell'istruttoria dibattimentale ha chiesto l'assoluzione dell'imputato) sia stato preciso e puntuale ma viziato da un errore iniziale dovuto all'esposto che ha dato il via alle indagini. Secondo quanto contestato dalla Procura il 54enne trevigiano avrebbe barato nel presentare il conto delle ore lavorate per essere pagato: si parlava di 315 ore lavorative regolarmente retribuite ma in realtà, secondo l'accusa, mai svolte, per un totale di 3 mila euro di compensi non dovuti e intesi dagli inquirenti come danno patrimoniale. Parte offesa nel procedimento penale era infatti il Ministero della Difesa, facente capo appunto al 51° Stormo di Istrana, per il quale il tecnico (si tratta di un civile e non di un militare) prestava il servizio professionale. L'uomo, che in fase di udienza preliminare aveva deciso di non avvalersi di nessun rito alternativo, ha sempre respinto le accuse preferendo dimostrare la propria innocenza a processo. L'avvocato Tartari infatti, già al termine della prima udienza del processo, aveva precisato che le accuse sarebbero state smontate nel corso del dibattimento perchè il suo cliente non aveva mai percepito denaro indebitamente: le contestazioni si basavano infatti su parametri errati che consideravano le ore lavorate in base al registro di entrata e uscita dell'aeroporto. Il tecnico civile insomma, oltre a essere stimato da tutti i colleghi (compresi i militari graduati), è risultato del tutto estraneo ai fatti.