Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Dieci mesi e venti giorni per un militare di stanza al 33° Reggimento Trasmissioni

S'INTASCA I SOLDI DEI CONDOMINI: UFFICIALE DELL'ESERCITO IN AULA

Era accusato di malversazione aggravata a danno di militari


TREVISO – (gp) Si era intascato i soldi degli inquilini del condominio che amministrava. Ma non era un amministratore come tutti gli altri, il palazzo era di proprietà del demanio e le persone offese non erano semplici affittuari ma colleghi di lavoro. Finito di fronte al gup Enrico Della Rata Rinaldi del tribunale militare di Verona per rispondere del reato di malversazione aggravata a danno di militari, un ufficiale dell'esercito di stanza al 33/mo Reggimento Trasmissioni a Treviso ha chiuso i conti con la giustizia patteggiando una pena di 10 mesi e 20 giorni di reclusione, ottenendone la sospensione condizionale. L'uomo, stando all'accusa rappresentata dal pubblico ministero Luca Sergio, aveva l'incarico di amministrare le palazzine demaniali in via Galilei e via Serafini a Vittorio Veneto. Nel periodo della sua funzione, che secondo gli inquirenti partiva dal primo maggio 2013 ed è terminato il 30 aprile scorso, si sarebbe appropriato delle somme degli affitti che gli erano state affidate dai militari inquilini. Mancando così «di pagare, in parte alle spese di riscaldamento - ha scritto il giudice - e trattenendo il danaro a profitto proprio. In particolare, dopo aver ricevuto dagli altri militari concessionari degli alloggi le quote di denaro occorrenti per il pagamento delle spese comuni, non ha provveduto a saldare tutte le fatture e si è appropriato di 3.602 euro che non ha restituito né alla fine del mandato né in seguito. Con l'aggravante di essere militare rivestito di un grado». Esaminate le fonti prova, il gup del tribunale militare di Verona ha concesso il patteggiamento proposto dalla procura militare che aveva già raggiunto un accordo con l'imputato.