Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/231: A BIELLA IL CAMPIONATO DEI GIOVANI TALENTI DEDICATO A TEODORO SOLDATI

Lucas Fallotico vince il 12° Reply International under 16


BIELLA - A ospitare la gara è il Golf Club “Le Betulle”, campo realizzato alla fine degli anni 50 sulla collina morenica della Serra, la più lunga d’Europa, un ambiente ideale per il golf. Situato a un’altitudine di 590 metri slm, Il Campo, è un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/230: ANDREA PAVAN VINCE IL REAL CZECH MASTERS

Primo successo sull'European Tour del romano


PRAGA - È il primo successo sull’European Tour di Andrea Pavan, che già si era imposto in quattro occasioni sul Challenge Tour. Il 29enne romano ha vinto, 22 colpi sotto il par del campo, il Real Czech Masters sul percorso Albatross Golf Resort (par 72), di Praga, montepremi un...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/229: ANCHE IL GOLF A SQUADRE AGLI EUROPEI IN SCOZIA

Il team italiano medaglia di bronzo nella foursome


AUTCHTERARDER (SCOZIA) – L’innovativa competizione ha visto gareggiare insieme uomini e donne, sul percorso del Gleneagles PGA Centenary, Il torneo si è giocato nell’ambito dell’European Championship 2018, la grande novità in ambito sportivo, che dopo gli...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Trevignano, sfondata una recinzione, si indaga per un furto su commissione

LADRI DI PANNELLI FOTOVOLTAICI MAXI-COLPO DA 100MILA EURO

Ladri sul tetto dell'azienda agricola "Gloria" di via Cavalli


TREVIGNANO - (NC) Centoventi pannelli fotovoltaici smontati dal tetto su cui erano installati, caricati su un furgone o un camion e portati via per essere rivenduti, forse all'estero: un bottino di oltre 100mila euro. Colpo dei ladri, nella notte tra giovedì e venerdì, presso l'azienda agricola “Gloria” di via Cavalli, nelle campagne di Trevignano. Il proprietario, Vittorio Merlo, ha scoperto l'ammanco solo ieri poco dopo le 12 quando si è recato presso l'allevamento per un controllo: sconsolato, non ha potuto far altro che contattare i carabinieri di Montebelluna, impegnati ora nelle indagini sul maxi-furto. I ladri, stando ad una prima sommaria ricostruzione da parte degli investigatori, hanno aggirato l'area e l'ingresso principale precorrendo con il proprio mezzo una stradina secondaria sterrata che costeggia l'azienda. Siamo in una zona buia, isolata e disabitata: quasi impossibile essere visti o notati da qualcuno. I malviventi (probabilmente nei giorni precedenti al furto hanno effettuato dei sopralluoghi sul posto per studiare a fondo la situazione della zona) hanno sfondato una recinzione, sono saliti sul tetto e qui, muniti di attrezzi e probabilmente torce elettriche, hanno cominciato a lavorare, si fa per dire, forse per alcune ore. Indisturbati. “Devono essere state parecchie persone -racconta Vittorio Merlo- hanno smontato 120 pannelli fotovoltaici dei 780 presenti”. L'impianto completo, fortunatamente assicurato per questo tipo di episodi, era stato installato dall'azienda nel 2010 e finora non si erano mai verificati furti di sorta. Del resto nessuno poteva ipotizzare un furto di questo genere all'allaevamento di Vittorio Merlo. Probabilmente, ma questa è per ora solo un'ipotesi investigativa, si tratterebbe di un furto su commissione: i pannelli potrebbero essere destinati alla vendita sul “mercato nero”, forse anche all'estero. Già nei prossimi giorni potrebbero ricominciare i lavori di ripristino del danno provocato dall'incursione dei malviventi. Nel frattempo i carabinieri visioneranno le telecamere presenti in zona a caccia di indizi utili per le indagini.