Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/181: SUPER FRANCESCO MOLINARI, SECONDO AL PGA CHAMPIONSHIP

A Charlotte l'azzurro protagonista nel torneo dei pro Usa


TREVISO - Si è concluso il 13 agosto il 99° PGA Championship giocato al Quail Hollow Club di Charlotte, un lunghissimo Par 71 di 7.000 metri, nel North Carolina. Non potevamo trascurare questo evento, il quarto e ultimo major della stagione, con 156 giocatori, i più grandi del...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/180: MATSUYAMA "SGOMMA" CON UN TERZO GIRO RECORD

Il giapponese vince la sfida tra campioni al Wgc Bridgestone Championship


TREVISO - Si gioca al Campo Sud del Firestone CC, un Par 70 di Akron nell’Ohio, il Wgc Bridgestone Championship Invitational, terzo dei quattro tornei stagionali del World Golf Championship che anticipa di una settimana il PGA, il Campionato Professionisti Americano, che sarà...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/179: THE OPEN

Il trionfo di Jordan Spieth che vice il terzo major stagionale


GRAN BRETAGNA - The Open Championship o semplicemente The Open, è il British Open, che così vien chiamato solo fuori del Regno Unito. È la competizione golfistica tra le più importanti, la più longeva, ha storia di tre secoli. È l’unico dei quattro...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il coordinatore Rigoli: "Rischia di vanificare gli sforzi del personale"

I PRIMARI DEL CA' FONCELLO SI SCHIERANO PER LA CITTADELLA

Lettera aperta: "L'attuale struttura non pił adeguata ai tempi"



TREVISO -
L'attuale ospedale di Treviso non è più adeguato alle moderne esigenze, urge una profonda ristrutturazione o sarà a rischio il livello di servizio e di cure ai pazienti finora offerto. A lanciare l'allarme sono gli stessi primari del Ca' Foncello: i responsabili dei vari reparti hanno stilato una lettera aperta e convocato una conferenza stampa per manifestare i loro timori sulle ricorrenti polemiche intorno alla costruenda cittadella della salute e sulle voci che il progetto possa essere bloccato o stravolto. E' la prima volta in decenni che la comunità dei camici bianchi prende una pubblica posizione su una questione simile. Roberto Rigoli, a capo di Microbiologia e coordinatore dei primari, assicura che si tratta solo di una coincidenza il fatto che l'uscita avvenga a pochi giorni dal voto in Consiglio comunale sulla cittadella. “Noi non entriamo in questioni di responsabilità politiche: siamo solo preoccupati del montare dei problemi, di cui leggiamo e sentiamo”. “Qualunque sia la decisione – continua Rigoli -, medici, infermieri e tutto il personale continuerà come sempre a fare il proprio lavoro, ma la fatiscenza dell'ospedale rischia di vanificare i nostri sforzi”.
Un problema su tutti: la conformazione del Ca' Foncello non è più in linea con la nuova organizzazione dell'attività ospedaliera. La struttura spiegano, pensata per padiglioni risente ormai dei decenni: 25 sale operatorie in cinque siti diversi, 5 terapie intensive, tutte in punti diversi, altrettante radiologie, ben 126 ambulatori in 26 aree. Un caos di cui ha avuto modo di rendersi conto chiunque si sia trovato a vagare per l'intrico di corridoi, cercando la stanza di un parente ricoverato a cui far visita. Senza contare che alcuni reparti non hanno spazi idonei ai più avanzati canoni di degenza. Concentrare e razionalizzare le diverse funzioni, consentirebbe di guadagnare efficienza ed anche risparmiare risorse, come spiega Giuseppe Di Falcio, responsabile della 3a Chirurgia.
Ma soprattutto, dicono i medici, la cittadella porterebbe benefici ai pazienti: “Trovo davvero incomprensibile – esclama Niccolò Bassi, primario della 4. Chirurgia – che i trevigiani non vogliano accettare un nuovo ospedale per i cittadini stessi”.