Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/203: GARY WOODLAND È IL RE DEL PHOENIX OPEN

Vittoria allo spareggio, tra invasioni di campo e commoventi dediche


SCOTTSDALE (ARIZONA - USA) - dall’1 al 4 febbraio. È sul percorso del TPC, la sfida Waste Management Phoenix, l’Open supportato dalla Gestione dei Rifiuti, che, strano a dirsi, nell'economia dell'Arizona vale 389 milioni di dollari. Il montepremi è di 6.900.000 dollari,...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/202: AL FARMERS INSURANCE È IL GIORNO DI JASON DAY

Nel torneo al Torrey Pines si rivede anche il vero Tiger Woods


In California, nei due percorsi del Golf Torrey Pines, entrambi Par 72, si è giocato dal 25 al 28 gennaio, l’Open sostenuto dalla potente “Assicurazione Agricoltori” americana, con montepremi di 6.900.000 dollari, 1.200.000 dei quali, destinati al vincitore. Il Torrey...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/17: GARDAGOLF COUNTRY CLUB

Sulle colline attorno al lago si disputerà l'Open d'Italia


SOIANO DEL LAGO - È recente la notizia che l’Open d’Italia 2018 è stato assegnato a Gardagolf; andiamo ora a vedere dal vicino questo Club, la cui scelta è stata apprezzata dal gotha dirigenziale dell’European Tour.Di progetto squisitamente inglese (Cotton,...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

In corso il torneo dell'Alps tour, gara ancora apertissima dopo il secondo giro

ASOLO GOLF: TOBIAS NEMECZ AL COMANDO DEL SERVIZITALIA OPEN

L'austriaco in testa con 137 colpi, poi gli azzurri Bertasio e Motta


ASOLO - L’austriaco Tobias Nemecz è al comando con 137 colpi (68 69 -7) dopo il secondo giro del Servizitalia Open 2014, torneo dell’Alps Tour che si conclude con la disputa del terzo all’Asolo Golf Club. Seguono ad una sola lunghezza con 138 colpi (-6) i due azzurri Nino Bertasio (68 70) e Leonardo Motta (72 66 miglior score di giornata). Al quarto posto con 139 (-5) il francese Dominique Nouailhac e l’irlandese Brian Casey. Sesto il francese Clement Berardo con 140 (-4). Settimi con 141 (-3) Alessandro Grammatica, i dilettanti Filippo Zucchetti e Tomaso Zannin, l’olandese Floris De Haas e il francese Raphael Marguery. In dodicesima posizione con 142 (-2) Nicolò Gaggero e l’amateur Luca Cianchetti, in 16ª con 143 (-1) Alberto Campanile, Federico Maccario, Leonardo Sbarigia e Andrea Bolognesi e in 21ª con 144 (par) Lorenzo Magini, Andrea Signor, Aron Zemmer, Stefano Pitoni e Marco Bernardini. Al 29° posto con 145 (+1) Gregory Molteni e Edoardo Torrieri. Alle loro spalle 39.i con 146 (+2) Joon Kim, Alessio Bruschi, Cristiano Terragni, Federico Elli e gli amateur Lorenzo Magagnin, Andrea Saracino, Giulio Castagnara e Alberto Castagnara. Non hanno superato il taglio, caduto a 146, fra gli altri, Nunzio Daniele Lombardi e l’amateur Jacopo Guasconi 53.i con 147 (+3), il dilettante Jacopo Vecchi Fossa, 60° con 148 (+4), Giorgio De Filippi e l’irlandese Brendan McCarroll 68.i con 150 (+6) e Andrea Romano 77° con 151 (+7). Il Servizitalia Open 2014, dodicesimo torneo stagionale targato Alps Tour e inserito anche nel calendario dell’Italian pro Tour, il circuito delle gare nazionali gestito dal Comitato Organizzatore Open Professionistici di Golf della FIG, mette in palio un montepremi di 40.000 euro dei quali 5,800 per il vincitore. La manifestazione, supportata da Servizitalia come title sponsor, beneficia anche del sostegno di Pulingross e Export House. L'Italian Pro Tour ha l'ausilio di Sky come media partner, Jaguar Land Rover come official "automotive", Mulligan come sponsor, Europ Assistance, Frosecchi, Martin, John Deere come fornitori ufficiali e Fondazione Ricerca Fibrosi Cistica onlus come charity partner (www.fibrosicisticaricerca.it.). Dovrà fronteggiare il peso della leadership l’austriaco Tobias Nemecz, classe 1992, ancora a digiuno di successi nell’Alps Tour, che ha ottenuto con il quinto posto nell’ultimo Red Sea El Ein Bay Open il suo miglior risultato tra i professionisti. Proverà il sorpasso, Leonardo Motta, capace di risalire ben 36 posizioni rispetto al giro iniziale: “Sono molto contento – ha commentato – per come sono riuscito a esprimermi da tee a green. Anche il gioco corto ha soddisfatto le mie aspettative. I green sono perfetti, quindi, è importante lasciarsi più opportunità da birdie, soprattutto nei par 5. Domani mi concentrerò colpo su colpo senza pensare troppo alla classifica”. Meno brillante rispetto a ieri, ma comunque efficace Nino Bertasio, che si prepara allo sprint finale, forte dell’esperienza maturata nei precedenti tornei: “Oggi è stato un giro molto impegnativo – ha spiegato – e non sono riuscito offrire una buona prestazione. Probabilmente il caldo ha influito più di quanto mi aspettassi, condizionando molto il mio rendimento. Nonostante queste difficoltà climatiche, ho avuto il merito di non perdere la concentrazione e chiudere con un “meno 2” che non va affatto disprezzato. Nell’ultimo round sarà fondamentale restare nei fairway per crearsi le chances di imbucare”.