Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/18: GOLF CLUB TRIESTE

Tra il Carso e il mare, lo storico campo del Friuli Venezia Giulia


TRIESTE - Trieste, città cosmopolita dallo spirito indomito, con qualche nostalgia dell’impero austroungarico, è città affascinante, punto cospicuo della struttura europea, adagiata sulla stretta striscia di territorio di quell’altopiano carsico a cavallo tra il...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

AUDIO La Corte di Cassazione ha rigettato le richieste della Procura di Brescia

RICORSO RESPINTO: RESTANO TUTTI IN LIBERT└ I SECESSIONISTI VENETI

Tra i 24 indagati anche i trevigiani Franco Rocchetta e Maria Marini


ROVIGO – (gp) I “secessionisti veneti” rimangono tutti in libertà e l'inchiesta, partita da Brescia, rimarrà a Rovigo per competenza territoriale. I giudici della quinta sezione penale della Corte di Cassazione hanno infatti respinto su tutta la linea, dichiarandolo inammissibile, il ricorso presentato dalla Procura di Brescia contro la decisione del tribunale del riesame di rimettere in libertà tutti gli indagati e di far cadere l'accusa più pesante di associazione con finalità di terrorismo ed eversione dell'ordine democratico per la mancanza dei gravi indizi di colpevolezza.. Al centro della vicenda c'è l'inchiesta sul gruppo "Alleanza" condotta dai Ros di Brescia che il 2 aprile scorso aveva portato 22 persone in carcere e 2 ai domiciliari. Tra questi anche i due trevigiani Franco Rocchetta e Maria Marini. Il primo, ex deputato 67enne di Colle Umberto e fondatore della Liga Veneta, passò sedici giorni rinchiuso nel carcere di Treviso. La seconda, casalinga 57enne di Volpago del Montello, lasciò il carcere della Giudecca il 23 aprile, dopo tre settimane di detenzione. Per loro, come per gli altri indagati nella vicenda, l'accusa per ora rimasta in piedi riguarda la fabbricazione del famoso “Tanko”, il mezzo sotto sequestro costruito in un capannone di Casale di Scodosia, nel padovano. L'accusa è dunque a vario titolo quella di fabbricazione e detenzione di armi da guerra. Per la Procura Franco Rocchetta sarebbe l'ideologo del progetto indipendentista che avrebbe dovuto portare a un'azione dimostrativa eclatante in piazza San Marco a Venezia simile a quella del 1997 quando venne occupato il campanile di San Marco. A Maria Marini invece gli inquirenti contestavano di essere stata “reclutata” da Patrizia Badii (leader del movimento dei Forconi) e di aver messo a disposizione dei vertici di “Alleanza” la cucina di casa come base logistica per il reclutamento dei militanti e il reperimento dei fondi necessari alla causa venetista.
Nell'audio le parole dell'avvocato Alessio Morosin.