Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/194: IN SUDAFRICA IL PENULTIMO ATTO DELL'EUROPEAN TOUR

Vittoria per l'indolo di casa Brendan Grace


Dopo il Turkish Open, giocato ad Antalya la scorsa settimana e conquistato da Justin Rose, siamo ora al Gary Player GC di Sun City (par 72) in Sudafrica, dove, dal 9 al 12 novembre, si disputa il Nedbank Golf Challenge penultimo atto dell’European Tour, e settimo degli otto eventi delle Rolex...continua

Cronaca
PILLOLE DI GOLF/193: IN OMAN SI CONCLUDE LA CORSA DEL CHALLENGE

In palio la "carta" per l'European Tour


MUSCAT - Ricordiamo brevemente cos’è il Challenge, chiamato un tempo Satellite. È un Tour organizzato dal PGA European Tour, con la serie di tornei di golf professionali. È finalizzato allo sviluppo e alla promozione degli atleti al Tour europeo, che si classificano in...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/192: JUSTIN ROSE, RIMONTA VINCENTE IN CINA

Il Wgc di Shanghai si decide solo nel giro finale


SHANGHAI - Sul percorso dello Sheshan International GC (par 72), a Shanghai, dal 26 al 29 ottobre, si è giocato il quarto e ultimo torneo stagionale, del World Golf Championship, il mini circuito mondiale, a cui sono stati ammessi appena 78 concorrenti, solo i grandi. Com’è...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 
ASCOLTA IL SERVIZIO ON-LINEAscolta la notizia

Grigoletto: "Se dovesse esserci danno erariale, pagherą la vecchia amministrazione"

PARK VITTORIA: PROGETTO SEPOLTO, DA RISOLVERE LA "GRANA" PENALI

Contatti frequenti con Parcheggi Italia per trovare una soluzione



TREVISO
– (gp) “Nel caso in cui si dovesse verificare un danno erariale, non sarà certo questa amministrazione a pagare”. Una risposta che non lascia spazio a interpretazioni quella del vicesindaco di Treviso Roberto Grigoletto in merito all'annosa questione del park sotterraneo in piazza Vittoria. A ritirare in ballo la questione del progetto affidato dall'amministrazione Gobbo-Gentilini alla società Parcheggi Italia è stato l'ex assessore ai lavori pubblici Giuseppe Basso il quale, attuale consigliere comunale di minoranza, ha chiesto in che modo la giunta Manildo risolverà la grana senza dover pagare una penale pesantissima (si parla di una cifra tra gli 800 mila e il milione di euro). La risposta di Ca' Sugana non si è fatta attendere: in sintesi l'attuale amministrazione ha ereditato la scelta (e il contratto) dalla giunta precedente (in cui era presente anche Giuseppe Basso) e sta cercando di trovare un accordo con la società Parcheggi Italia per costruire un parcheggio in un'altra zona di Treviso in modo da rispettare i patti. Se l'accordo non verrà raggiunto però, la penale si dovrà pagare sempre che si verifichi un danno erariale. Ma il portafoglio non lo dovrà aprire l'attuale amministrazione, bensì chi ha firmato quel contratto, ovvero quella di Gobbo e Gentilini. E se la Corte dei Conti verrà a Treviso a battere cassa, saranno i membri della giunta e i consiglieri comunali che l'hanno votata a dover saldare il conto di tasca propria.