Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/223: I SOCI AIGG SI SFIDANO SULLE DOLOMITI

Tre giornate in quota tra Alto Adige e Trentino


BOLZANO - Un interessante momento nelle gare dell’Associazione Italiana Giornalisti Golfisti: tre giornate di golf impegnativo, in aggiunta all’annuale challenge, per godere le Dolomiti. Nella giornata di apertura ci spalanca le porte il Golf Club Eppan (Appiano): un campo da golf a...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/222: FRANCESCO MOLINARI PRIMO ITALIANO A TRIONFARE NEL PGA TOUR

L'azzurro stravince il Quicken Loans National a Potomac


POTOMAC (USA) - Non mi dirà più il mio caro amico Fabrizio: "Molinari è bravo, ma non abbastanza! È quasi sempre nelle prime posizioni, ma non è capace di tirare fuori le p.… e portare a casa una vittoria nel PGA". Mi facevano soffrire queste parole,...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/221: AIGG, DOPPIA TAPPA PIEMONTESE AL BOGOGNO

I due persorsi del circolo novarese ospitano i giornalisti


BOGOGNO (NO) - In questa vallata del contado novarese, terra un tempo devota a Diana, dea dei boschi, già possedimento dei Visconti, degli Sforza, dei Borromeo, il cui abitato è contornato di colline moreniche, c’è il Golf Bogogno, “Castrum Novum” che...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Treviso, "Sono certo che l'azienda lo sanzionerà anche per tutelare la categoria"

AUTISTA MOM MANDA SMS MENTRE GUIDA, ZAIA: "FARE CHIAREZZA"

Il governatore tuona: "La sicurezza viene prima di tutto"



TREVISO
- “È una vicenda su cui bisogna fare innanzitutto chiarezza nel pieno rispetto di tutte le parti coinvolte a cominciare dall’autista, ma c’è un dato di fatto incontrovertibile: la sicurezza viene prima di tutto”. Con queste parole il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia, commenta la vicenda dell’autista di un autobus di linea della Mom, che opera in provincia di Treviso, che continuava ad inviare sms mentre era alla guida. “Alcuni recenti ricerche - spiega Zaia - individuano nell’utilizzo del cellulare alla guida una delle principali cause di incidenti stradali. Per questo il comportamento dell’autista è stato senza ombra di dubbio rischioso ed imprudente. La Marca è, da sempre, un modello a livello nazionale per quel che riguarda le politiche di sicurezza stradale: quando sono stato presidente della Provincia ho investito molto per migliorare la viabilità e sensibilizzare i cittadini su un fattore come questo raggiungendo risultati confortanti, con un calo consistente dei morti sulle strade, che sono diminuiti di oltre la metà”. “Sono certo – conclude il Presidente – che l’azienda metterà in campo le azioni sanzionatorie più efficaci ed adeguate anche per tutelare un categoria come quella degli autisti che ogni giorno garantisce con grande professionalità un servizio essenziale per i nostri territori”.

Sul caso interviene la comandante della Polizia Locale di Treviso, Federica Franzoso

"ACQUISIREMO IL VIDEO E SICURAMENTE FAREMO QUALCOSA"
"Già da qualche mese effettuiamo controlli sia sul trasporto pubblico che privato"

Un esempio della cosiddetta “cittadinanza attiva” potrebbe costare davvero caro all'autista della MOM beccato al volante di un mezzo pubblico mentre scriveva sms col cellulare. Nulla di penalmente rilevante, ma a livello amministrativo e soprattutto disciplinare le sanzioni potrebbero essere pesanti. La comandante della Polizia Locale di Treviso Federica Franzoso ha infatti intenzione di andare a fondo nella vicenda. “Materialmente non abbiamo ancora in mano il video ma lo acquisiremo e, una volta visionato, valuteremo il da farsi. Sicuramente – ha affermato la comandante – faremo qualcosa”. Una presa di posizione che lascia insomma poco spazio alle interpretazioni. “Già da qualche mese – continua Federica Franzoso – stiamo effettuando controlli su tutti gli autisti dei mezzi pubblici e privati (come ad esempio le corriere o i pullman che trasportano persone, ndr) perchè ci sono giunte segnalazioni di comportamenti poco corretti”. Nel caso specifico la violazione del codice della strada è palese, e la stessa MOM ha riferito che sarà inflessibile, considerato che per l'azienda si tratterebbe di un caso isolato. La Polizia Locale rimarrà comunque con gli occhi ben aperti, rimarcando l'importanza delle segnalazioni dei cittadini per intervenire laddove si verifichino comportamenti, soprattutto quando si mette a rischio l'incolumità delle persone, che violano le regole. Come detto dal punto di vista penale non ci sono ipotesi di reato, trattandosi di un “semplice” illecito amministrativo. Il pm di turno ha infatti escluso qualsiasi tipo di coinvolgimento della Procura nel caso specifico. Ad esempio, anche nel caso in cui si fosse verificato un incidente nel tratto tra la stazione, il Put e la Feltrina (il tragitto in cui l'autista non si sarebbe mai staccato dal cellulare continuando a mandare sms), le responsabilità andrebbero comunque valutate.