Questo sito usa i cookies per offrirti una migliore esperienza di navigazione.  Conferma Privacy Policy
Golf
PILLOLE DI GOLF/248: PADRAIG HARRINGTON CAPITANO DELL'EUROPA IN RYDER CUP

Nel 2020 l'irlandese guiderą il team continentale nella sfida agli Usa


ROMA - Sarà l’irlandese Padraig Harrington, a svolgere la missione di Capitano europeo alla Ryder Cup 2020, prossimo appuntamento americano fra Europa e Stati Uniti. Harrington è stato scelto da un Comitato composto dagli ultimi tre capitani del massimo circuito europeo: Paul...continua

Golf
PILLOLE DI GOLF/247: I CAMPIONI DEL PGA INIZIANO L'ANNO ALLE HAWAII

L'outsider Schauffele trionfa nel torneo riservato ai 37 vincitori del circuito


MAUI - Al Plantation Course di Kapalua, è andato in scena l’evento riservato alla crema del PGA, cioè ai 37 che hanno vinto un torneo nel circuito della passata stagione. Il Sentry Tournament of Champions ha luogo sempre durante la prima settimana di gennaio, sempre nel medesimo...continua

Golf
CAMPI DA GOLF/19: IL MOLINETTO GOLF & COUNTRY CLUB

Dai Celti agli Sforza, a Cernusco sul Naviglio si gioca tra la storia d'Italia


CERNUSCO SUL NAVIGLIO - Quello che colpisce maggiormente arrivando al Golf Molinetto, è di trovarsi all’improvviso in una realtà che si stacca completamente da tutto ciò che la circonda: il territorio tipico della Lombardia produttiva, dove la gente è soprattutto...continua

Invia Invia a un amico | Stampa Stampa notizia |  


 

Il vertice in Prefettura ha sancito l'ingibilitą della struttura: i bandi restano aperti

QUESTIONE PROFUGHI: LA CASERMA DI CODOGNČ NON PUŅ OSPITARLI

Chiesta la disponibilitą del dormitorio di via Pasubio, ma non basta


TREVISO – I profughi destinati ad arrivare a Treviso non troveranno posto nella caserma di Codognè, ai confini con il Friuli. L'ipotesi è definitivamente tramontata nel corso del vertice tenutosi in Prefettura perchè l'immobile, che è già oggetto di un progetto di recupero, si è rivelato del tutto inadatto ad accogliere i migranti in arrivo in provincia di Treviso in quanto, come sottolineato dal prefetto Maria augusta Marrosu, servirebbero degli “importanti lavori di ristrutturazione per renderla agibile”. Al momento nessun immobile del demanio, compresa l'ex caserma Serena di via Zermanese, si trasformerà in centro d'accoglienza per i profughi. Che dovevano essere poco più di un centinaio, forse 150, e che ora si sarebbero moltiplicati fino a 300 unità. IN realtà nemmeno la Prefettura conosce l numero esatto di persone che il governo ha destinato a Treviso. Motivo per cui il prefetto ha chiesto al comune di Treviso di continuare a mettere a disposizione l'ex dormitorio di via Pasubio a Santa Maria del Sile. Ma lo stabile, da solo, sarebbe comunque troppo piccolo per ospitare tutti. Rimangono dunque aperte le porte dei bandi per le associazioni e le strutture alberghiere che decidano di farsi carico di questa ondata di arrivi.